martedì 29 novembre 2011

19

Hellsing - Sognando la guerra con i vampiri

Il protagonista della serie
Hellsing (ヘルシング, Herushingu)è un manga ideato e realizzato da Kohta Hirano tra il 1998 e il 2008. Conta dieci volumi e un prequel, Hellsing: The Dawn, attualmente ancora in lavorazione, che fa luce su alcuni punti oscuri della trama. Quest’opera parla di vampiri nel senso tradizionale del termine. Si tratta in fatti di mostri succhiasangue della specie più feroce, nati per combattere e per uccidere, inseriti in un contesto di guerra globale. Questo manga non è per tutti, infatti presenta delle atmosfere dark tipiche di un’opera horror, mischiandole con una generosa dose di nazisti folli, religiosi integralisti e un pizzico di steampunk. Il risultato è un ottimo manga ricco di scene epiche e un taglientissimo humor nero. In Italia è stato pubblicato inizialmente dalla Play Press (solo una parte) e poi ristampato e concluso dalla J-Pop in un'edizione impeccabile con sovraccoperta.

Alucard sulla cover del quarto volume
L’ordine Reale dei Cavalieri Protestanti, guidato dalla giovane lady di ferro Integra Fairbrook Wingates Hellsing, è un’organizzazione che, dalla notte dei tempi, si occupa di dare la caccia e uccidere i mostri. Al suo servizio c’è Alucard un vampiro pluricentenario, reso schiavo della famiglia Hellsing da più di un secolo di esperimenti effettuati su di lui, dal momento della sua sconfitta e cattura ad opera del celebre Van Hellsing. Capelli neri lunghi, soprabito rosso e dentatura da squalo sbianco, Alucard ha l’incarico di risolvere i problemi più spinosi e di affrontare i peggiori mostri in circolazioni, normalmente anch’essi vampiri. Una specie di jolly in mano ai protestanti, grazie a cui riescono a superare ogni ostacolo. I suoi ordini, elargiti direttamente dalla bocca di Integra, sono Search and Destroy (cerca e distruggi) e lui lo fa con immancabile precisione e infallibile potenza. Oltre a maneggiare due grosse pistole, la Casull (caricata a proiettili esplosivi rivestiti dell’argento della croce di Lancaster) e la Jackal (nera, dal peso di 16 kg e su cui c’è scritto “Jesus Christ is in Heaven now”) Alucard ha molte altre abilità dovute alla sua natura demoniaca. Tra rigenerazione immediata, intangibilità, capacità di assoggettare le menti meno determinate e un delizioso mastino infernale che è in grado di far uscire dal proprio corpo, qualunque nemico gli venga posto innanzi non sembra mai essere alla sua altezza. Diciamo che è quel genere di personaggio che non si premunisce di schivare i proiettili quando gli sparano addosso, tanto non cambia comunque nulla.

Alucard in assetto da combattimento
I vampiri di questa serie sono in grado di fasi accoliti uccidendo e succhiando il sangue ad un essere umano. Se la persona in questione è vergine verrà fuori una progenie di vampiro con tutti i poteri e le abilità del proprio master, in caso contrario si trasformerà in ghoul, una specie di zombie semidecomposto agli ordini diretti del vampiro originale. A differenza dei mostri che vengono cacciati dall’organizzazione Hellsing, Alucard farà sempre molta attenzione a non creare dei ghoul (uccidendo sempre senza pietà i suoi avversari) e darà vita solo ad una draculina, Seras Victoria. Seras è un agente di polizia che ha la sfortuna di partecipare ad un’operazione anti-vampiro senza sapere chi ci sia dietro gli efferati omicidi su cui sta indagando. Essendo rimasta l’unico essere umano in vita sul luogo, il vampiro artefice del massacro la prende come ostaggio e la usa come scudo umano contro un rilassatissimo Alucard. Questo ovviamente non si fa alcun problema a spararle addosso per colpire il proprio avversario ma, mosso da una mai più mostrata pietà, la salva rendendola a sua volta un vampiro. A differenza del suo master, Seras non è un nosferatu completo e, finchè non si ciberà di sangue umano, avrà dei poteri limitati.

Padre Maxwell mentre fa amicizia con Integra
Durante un confronto sufficientemente armato tra Integra e Enrico Maxwell, leader della feroce XIII divisione del Vaticano, l’Iscariota, viene fuori che tutti questi vampiri contro cui l’Hellsing si batte sono stati creati artificialmente dalla Millenium, un’organizzazione nazista che si nasconde in Brasile fin dalla fine della seconda guerra mondiale. Questa è guidata dal Maggiore, un ex-soldato tedesco sociopatico e lucidamente folle, che ha solo un sogno in mente: la guerra. Identifica in Alucard il suo arci-nemico e per cercare di sconfiggerlo mette in scena una trappola che prevede una porterei infestata di vampiri, un’invasione in grande stile di Londra e molto sangue innocente versato. Ovviamente la XIII Iscariota non si lascia sfuggire l’occasione di indire una crociata contro i protestanti di Londra, portando anche le sue truppe su un campo di battaglia che ben presto si trasforma in una specie di gigantesco mattatoio a cielo aperto.

Il Capitano, uno degli ufficiali nazisti
I personaggi sono tutti caratterizzati in modo carismatico, vivo e fin eccessivo, enfatizzandone determinati particolari del loro carattere e forzando la mano sulle loro reazioni in situazioni veramente al limite. Non c’è tempo per l’esitazione, la debolezza o la dolcezza in Hellsing, nessuno dei soggetti in campo (che siano umani o meno poco importa) avrà modo di titubare o sbagliare. Ogni incertezza si tramuterà in una sonora sconfitta, impartita nel modo più doloroso e umiliante possibile da un avversario senza pietà. Sia che si tratti di un prete (il tostissimo padre Andersen, altro nemico giurato del protagonista), di un vampiro come Alucard o di una fanciulla come lady Integra il risultato non cambierà per nulla. ognuno di loro avrà un motivo che lo spinge a combattere a dare il massimo, in una sorta di allucinato sogno cremisi che può terminare solo al giungere di una metaforica alba alla fine della guerra. L’idea stessa dello scontro spingerà molti personaggi a cercare se stessi nella vittoria contro il nemico, identificandosi sia con la sconfitta dell’avversario e sia con il campo di battaglia in cui saziare la propria sete di sangue. Tuttavia il desiderio di conflitto non sarà mai veramente sopito e spingerà l’umanità in una sorta di perpetua autodistruzione attraverso le epoche, generazione dopo generazione, continuando a spingerla ad accanirsi con ostinazione su quello che identifica con il proprio nemico.

Alucard si scatena contro un altro abominio
Il personaggio di Alucard è ispirato al Dracula del romanzo di Bram Stocker (basta osservare che i due nomi sono speculari) con cui condivide la storia e parte delle sue capacità da nosferatu. Le altre (come ad esempio la tolleranza del sole e capacità di viaggiare sull’oceano senza la sua bara) sono frutto degli esperimenti condotti per decenni dalla famiglia Hellsing dopo la sua cattura. Alucard è quindi una nuova versione del conte Dracula, un No Life King, inserito magistralmente in un contesto di tempi moderni e non più libero di agire a suo piacimento ma assoggettato al volere del suo master, lady Integra. Con lei ha un rapporto molto particolare di rispetto e cieca obbedienza. Nonostante i suoi spaventosi poteri sa benissimo che la sua sconfitta (subita da quattro umani alla fine del racconto di Stoker) è un vincolo imprescindibile oltre cui non può andare ed è ben conscio che la sua mano, pesantemente armata, sarà sempre guidata da un ordine della sua padrona. In un paio di occasioni dice apertamente che solo gli esseri umani sono in grado uccidere i mostri e infatti è contro di essi che ha i suoi più intensi scontri (gli unici in cui non fa sfoggio dei suoi peggiori poteri demoniaci) ma è proprio la mano di un essere umano a guidare tutte le sue stragi con forza e determinazione. Certe volte pare proprio invidioso della condizione di fragilità e della possibilià di invecchiare degli essere umani che a lui sono completamente precluse.

Qualcuno ha fatto incazzare di brutto Integra. Pessima, pessima idea.
Lo stile grafico di Kohta Hirano all’inizio del manga è ancora un po’ grezzo e offre corpi sproporzionati (bocche giganti a arti lunghissimi) e sgraziati ma nel giro di tre volumi migliora incredibilmente ed è in grado di creare delle tavole dinamiche e spettacolari. ln particolar modo riesce a rappresentare degli stupendi combattimenti, inseriti in degli scenari dark perfetti per la storia a tinte pesantemente horror che sta narrando. Personalmente adoro il modo in cui riesce a realizzare delle espressioni intense e drammatiche sui volti dei suoi personaggi e l’uso che fa dello sfondo nero.

Il vampiro protagonista in una scena di uno degli OAV
Da questa serie sono stati tratti anche un anime (composta da tredici episodi) del 2001 girato dallo studio Gonzo e una serie di OAV (Hellsing Ultimate), attualmente in produzione, che conta otto capitoli più due ancora in attesa di realizzazione (Satelight e Madhouse). La vecchia serie animata non è niente di particolarmente interessante e, oltre ad alterare i rapporti tra vari i personaggi, presenta purtroppo dei fillerPost interamente dedicato ai filler che ne cambiano completamente il finale (introduce Incognito, un personaggio usa e getta inventato per ovviare il problema che nel momento della sua realizzazione il manga non era finito). Un discorso completamente differente va invece fatto per la serie di OAV, che riprende la narrazione dall’inzio. Questa è un piccolo capolavoro che, con le sue animazioni fluide, l’ottima CGI e un uso intenso di colori saturi, riesce a riprodurre in maniera ottimale il character design e le atmosfere disegnate da Hirano. Il comparto audio, sia doppiaggio originale (fantastico, adoro la voce di Jouji Nakata che interpreta Alucard) sia la colonna sonora potente (scritta da Hayato Mastuo e suonata dall'Orchestra Filarmonica di Varsavia), riesce ad incrementare ulteriormente la già notevole epicità delle scene. Il risultato è un’impeccabile serie d’azione, che presenta un tripudio di scene di sangue e combattimenti feroci e avvincenti.

Seras Victoria mostra la sua esageratissima potenza di fuoco
In conclusione posso consigliare questa serie a chiunque voglia leggere o vedere un’opera intensa, ricca di scene violente e non priva di satira nei confronti delle istituzioni religiose, che vengono dipinte come sette di fanatici assassini. In tutto questo Hirano non si fa mancare qualche scena genuinamente divertente (specialmente legata al personaggio di Seras e a Pip Bernadotte, comandante dei soldati a difesa di villa Hellsing e spasimante della draculina) e dei combattimenti veramente epici. Ovviamente se avete remore nei confronti dello splatter estremo (le immagini che ho messo nella recensione sono volutamente poco sanguinolente) o potreste essere infastiditi da certe tematiche controverse (specialmente quelle legate alla Chiesa) sarebbe meglio che lasciaste quello manga sullo scaffale del fumettarolo.
author

SCRITTO DA: Acalia Fenders

Sono una blogger di Torino che si occupa di fumetti e animazione dal 2010. I mei interessi spaziano dai classici fumetti (di cui ha una considerevole collezione) ai telefilm, dai film ai cartoni animati (anime e non!). Amo il Giappone e ho una sconsiderata e inarrestabile passione per Batman.





19 commenti :

  1. Io ho il manga.. metà di una casa editrice, metà di un'altra.. certe volte le case editrici le odio!
    Però non l'ho ancora letto... non sò ancora se mi potrà piacere, per ora è fermo a prender polvere! :p

    RispondiElimina
  2. Blasfemia saltami addosso!
    Un mio amico ha la serie completa, mi ha raccontato il finale!
    Da paura, merita tantissimo!
    Mi hanno detto che l'altro manga che sta facendo Kohta Hirano è una bomba anche quello

    RispondiElimina
  3. Mi ispira un sacco anche se lo splatter non fa per me! Magari prima di lanciarmi in spese sfrenate darò un'occhio alle scan!

    RispondiElimina
  4. @Nyu: Certe case editrici (tra cui la defunta Magic Press) si comportano con totale noncuranza dei propri lettori, però bisogna dire che in questo caso l'interruzione è stata causata proprio dalla chiusura della casa editrice. Hirano ci ha messo dieci anni a disegnare dieci volumi e nel frattempo la Play Press è deceduta, passando la palla alla J-Pop (che come al solito ha realizzato un'edizione assolutamente impeccabile).

    Hai un sacco di fumetti non letti (che invidia). A Hellsing dagli un'occhiata, è molto interessante e poi il protagonista è un vampiro veramente degno di questo nome ^^

    @Marco Grande Arbitro: Il finale di Hellsing è veramente spettacolare, ben giocato, ben sceneggiato e con i personaggi che sono veramente epici.
    Per quanto riguarda la nuova serie (ma non sono due portate avanti il parallelo?) non vedo l'ora che arrivi anche qui ^^

    @Piperita Patty: Oppure guarda il primo OAV, è parecchio fedele ma alcune scene, le più cruente, sono un po' alleggerite. Alucard è un vampiro che vale la pena veder menare le mani ^^

    RispondiElimina
  5. E io mi riferivo a Drifters, ricordo che lo iniziò nel 2009... non ricordo se Hellsing fosse già finito o stava a qualche capitolo

    RispondiElimina
  6. @Piperita Patty: In caso di indecisione io suggerisco sempre di vedere un'episodio (o due) dell'anime (se esiste), almeno così il volume (se poi viene comprato) offre qualcosa di diverso mentre leggendo le scan ci si rovina un po' la lettura.

    @Marco Grande Arbitro: Drifters lo sto aspettando anche io da quando è finito Hellsing (e spero che lo prenda una casa editrice come si deve) ^^

    RispondiElimina
  7. Il character design dei personaggi è decisamente ben fatto, anche se Integra credo di averlo intravisto uguale in qualche altro centinaio di manga / anime :P

    RispondiElimina
  8. Integra in realtà è una donna. Da quell'immagine si capisce poco ma anche dalle altre non si evince meglio: è uno dei personaggi meno femminili di sempre (pare un manico di scopa, detto amichevolmente). Fa coppia con Seras che invece è una classica tettona. ;-P

    RispondiElimina
  9. Un "YEAH" per la capigliatura di Alucard! Anche il tratto del manga in generale mi piace...come sai non so leggere e guardo solo le figure :P

    RispondiElimina
  10. Dovresti deciderti ad imparare, magari partendo con qualcosa di facile e un po' lineare. In ogni caso c'è anche l'anime.
    In ogni caso la capigliatura di Alucard elude tutte le leggi della fisica e muta in libertà durante tutta la serie ^^

    RispondiElimina
  11. Beh è questo il bello del ciuffo antigravità!
    Potrei partire da un abecedario, ma dovrebbe comunque avere delle belle figure ;)

    RispondiElimina
  12. Fa parte dei poteri demoniaci da vampiro ufficiale (quelli che sberluccicano - ogni riferimento a Twilight è puramente casuale - non e l'hanno) ;-P

    Io ho cominciato con Dragonball in prima superiore (me lo passava il mio vicino di banco durante le lezioni) e devo dire che è semplice da seguire. Ma forse non è il titolo più indicato per te, conoscendo la tua "passione" per l'anime ^^

    RispondiElimina
  13. Ecco volevo appunto farti notare la differenza fra questo ciuffo e le orribili "pigne" che hanno in testa quelli di dragon ball(quando non sono pelati)

    RispondiElimina
  14. Tu e Dragonball non andrete mai d'accordo ;-P
    Ci avrei scommesso che me lo citavi come esempio negativo ma effettivamente bisogna ammettere che nella serie di Toryama certi personaggi hanno delle istallazioni in compensato più che delle capigliature (non si smuovono neppure de bagnate o sottoposte a pressioni estreme) ^^

    RispondiElimina
  15. Mi ispira tantissimo! *-*
    E' da un po' che stavo adocchiando l'anime, ma non sapevo cosa guardare... Su MAL mi danno una serie da 13 episodi (che però ho letto da te che non è un gran che), 1 OVA "Hellsing I: Digest for Freaks", 1 special "Hellsing: Psalm of Darkness", 1 altro special "Hellsing: The Dawn" e un OVA da 10 episodi "Hellsing I: Digest for Freaks". E' meglio guardare quest'ultimo?
    Per il manga, uso anche io la tua politica: se esiste l'anime, prima mi guardo qualche episodio, poi se mi piace, mi dò al recupero albi XD

    RispondiElimina
  16. Quello da vedere è l'OAV da 10 episodi (anche se gli ultimi due non sono ancora usciti in Giappone per cui bisogna aspettare per vedere la fine della serie). Lo special The Dawn è la prima parte del prequel, ambientato durante la seconda guerra mondiale, che va visto dopo (dopo la serie e quando sarà completo, ne mancano due parti).
    Psalm of Darkness è solo uno speciale realizzato con delle animazioni che nella versione finale dell'OAV sono state scartate mentre Digest for Freaks è una versione breve dell'OAV Ultimate.

    Alla fine ti consiglio di vedere Hellsing Ultimate (da 40-50 minuti ad episodio) è veramente ben fatto e fedele all'originale ^^

    RispondiElimina
  17. Recepito!
    Prendo nota e avvicino il mio HD esterno da un tera XD

    RispondiElimina
  18. Poi fammi sapere se ti è piaciuto ^^

    RispondiElimina

Un commento è sempre molto gradito!

Se non ha voglia di loggarti, ricordati che con l'opzione Nome/Url puoi mettere un semplice nick di fantasia (la Url non è obbligatoria), così nelle risposte non verrai confuso con altri Anonimi.