lunedì 23 gennaio 2012

33

Puella Magi Madoka Magica - Le majokko moderne

Locandina della serie
Puella Magi Madoka Magica (法少女まどか☆マギカ Mahō Shōjo Madoka MagikaSito ufficiale della serie in inglese) è una serie prodotta da Aniplex e Shaft, composta da tredici episodi, andata in onda in Giappone nel 2011, tra gennaio e marzo. Gli ultimi due episodi sono stati rimandati all’aprile dello stesso anno per via del disastro terremoto del Tohoku. In Italia i diritti sono stati acquistati da Dynit, che ha trasmesso la serie sul canale satellitare Popcorn Tv in lingua originale con sottotitoli. Nel febbraio 2012 andrà anche in onda su Rai4 con doppiaggio italiano (per chi fosse interessato). Questa serie mi incuriosiva abbastanza poco (l’avevo bollata come la solita storia di maghette buonistica) e, pur avendola pronta per una visione, continuavo a rimandarla continuamente. Dopo averne visto qualche episodio (ringrazio Kon per l’imbeccata) mi sono però resa conto che era qualcosa di molto diverso da quello che mi aspettavo.


Madoka (capelli rosa), Sayaka (capelli azurri) con la loro
amica Hitomi, all'interno della struttura scolastica
Madoka Kaname e Sayaka Miki sono due tranquille studentesse di seconda media che trascorrono un’esistenza normalissima, tra scuola, uscite pomeridiane e casa. Un giorno, mentre si trovano in un negozio di musica, salvano dalla furia omicida di Homura Akemi (una loro nuova compagna di classe) Kyubey, una specie di peluche senziente. Mentre scappano con la creaturina ferita in braccio, appare dal nulla una specie di labirinto lisergico in cui le due amiche rimangono bloccate tra folli visioni. Per fortuna sopraggiunge anche Mami Tomoe, una giovane Maga, che, con i suoi poteri, mette in fuga  sia la Strega (artefice del labirinto) sia Homura
Kyubey in tutta la sua pucciosa forma
Seguono le classiche spiegazioni di rito, dove Mami racconta alle altre che il suo ruolo è proprio quello di uccidere le Streghe, esseri malvagi che assassinano le persone, per ottenere le Grief Seed (il nucleo della Strega), utilizzabile per ripristinare i poteri magici consumati durante gli scontri. Quando una ragazza predestinata decide di diventare Maga le viene donata una Soul Gem (fonte dei poteri e oggetto grazie a cui si riescono ad individuare le Streghe) e la possibilità di esprimere un desiderio, di qualunque natura ed entità. In cambio vincolerà la sua vita al difficile lavoro di cacciatrice di Streghe. 

Mami con la sua Soul Gem
Ovviamente sia Sayaka che Madoka sono candidate al ruolo di Maho Shōjo e Mami comincia a portarsele dietro nei suoi lavoretti notturni per mostrare loro cosa significhi veramente essere una Maga. Purtroppo per loro (che prendono il tutto per una allegra scampagnata) questa storia non è una classica serie di majokko buonistiche, per cui, nel giro di qualche episodio, la povera Mami si farà letteralmente mangiare la testa da una Strega

Sayaka in tenuta da Maga
Sayaka, spinta dall’amore per Kyōsuke Kamijō, deciderà di stringere comunque il contratto con Kyubey (usando il suo desiderio per guarire il braccio ferito del ragazzo, promettente violinista) , mentre Madoka sprofonda nella depressione più nera. Nel frattempo arriva in città anche la bellicosa Kyōko Sakura, un’altra Maga esperta, attratta dal posto vacante lasciato dalla morte di Mami. Tra scontri violentissimi tra le Maghe, Streghe più difficili da uccidere del previsto, infinite lacrime di Madoka e sconvolgenti rivelazioni sulla vera natura di Kyubey e sul ruolo delle Maho Shōjo, la situazione comincia a precipitare. Il tutto culmina con l’arrivo della Notte di Valpurga, una Strega dai poteri incredibili in grado di radere al suolo l’intera città, che costringerà le poche ragazze rimaste in scena a prendere delle decisioni drastiche.

Madoka ne approfitta per piangere
I personaggi importanti sono le cinque protagoniste e devo candidamente confessare che riescono praticamente tutte nell’impresa di farsi detestare come non mai. Madoka è una insopportabile bamboccia dalla lacrima facile, vezzeggiata a non finire da chiunque e iscritta all’albo dei personaggi raccomandati, fino al punto da riuscire nella non indifferente impresa di non muovere praticamente un dito in tutta la serie (credo che sia una delle  protagonisteTutto quello c'è d sapere sui protagonisti delle serie d'azione,  più inutili di sempre). 
Kyōko mostra le sue buone intenzioni
Sayaka fa la parte della ganza disorganizzata che parte con le migliori intenzioni e finisce a rimpiangere di essere nata, mentre Mami è la bonacciona con la faccia da ebete e i capelli a spirale che ancora crede ai Minipony. Seguono le due che più tra tutte mi sono piaciute di più, Sakura, l’aggressiva attaccabrighe con il cuore d’oro del gruppo (perché ce ne vuole sempre una, ma alla fine mi sta sempre simpatica) e Homura, una che ha la stessa espressività di un posacenere, ma una storia sufficientemente valida alle spalle da motivarne la caratterizzazione. Entra in scena mostrando sicurezza e stronzaggine a non finire ma si gioca tutto il suo effettivo potenziale negli ultimi episodi.

Homura con sullo sfondo la città futuristica di notte
La realizzazione tecnica è di ottimo livello e alterna uno stupefacente contrasto tra gli sfondi che mostrano una dettagliatissima città futuristica e il character design dei personaggi, volutamente infantile e pastelloso. A tutto questo vanno sommati gli scontri con le Streghe, degli esseri praticamente bidimensionali, rappresentati attraverso delle specie di collage in movimento. Nella realizzazione delle barriere delle Streghe viene infatti usata una tecnica di montaggio molto particolare, dove vengono inserite parti disegnate, mischiate ad oggetti reali e a creazioni psichedeliche. La colonna sonora di Yuki Kajiura e la regia di Akiyuki Shinbo sono anche di ottima qualità, e riescono senza sforzo a candidarsi tra i punti forti della serie.

No, le cose non sono andate come le protagoniste
si aspettavano
La base di questo anime è quella di una qualunque serie sulle majokko, un po’ come Sailor MoonMega recensione di una delle serie più famose a tema maghe e Card Captor SakuraRecensione della serie di majokko disegnata dalle CLAMP, a cui viene però aggiunto uno spunto di Battle RoyaleRecensione del manga, mischiato con qualcosa di Umineko ni naku koro niRecensione dell'anime (o di Higurashi ni naku koro ni, se preferite) e con alcuni mostri usciti da un trip acido. Purtroppo (per loro) le ultime a rendersi conto della reale situazione in cui si sono andate a cacciare sono proprio le protagoniste ognuna condizionata dalle proprie illusioni. In definitiva Puella Magi Madoka Magica è un’opera tecnicamente ineccepibile che in soli tredici episodi riesce pienamente nell’impresa di essere avvincente e interessante, senza peraltro essere un prodotto realmente innovativo. L’idea vincente è proprio quella di mischiare le maghette, normalmente destinate ad un pubblico giovane, con una buona dose di horror psichedelico. Lo suggerisco a chiunque voglia vedere qualcosa di particolare e coinvolgente, a patto di rinunciare per sempre ai proprio preconcetti sulle majokko. 



In ogni caso io ho sempre pensato che non c’era da fidarsi di quegli animaletti dall’aria pucciosa che promettevano grandi poteri a ragazzine innocenti e poco furbe.


L'ingannevole sigla dell'anime
author

SCRITTO DA: Acalia Fenders

Sono una blogger di Torino che si occupa di fumetti e animazione dal 2010. I mei interessi spaziano dai classici fumetti (di cui ha una considerevole collezione) ai telefilm, dai film ai cartoni animati (anime e non!). Amo il Giappone e ho una sconsiderata e inarrestabile passione per Batman.





33 commenti :

  1. NOn avevi ancora visto madoka? *_* Ti sei salvata in corner prima del crash totale direi XDDD

    Comunque, andando al commento, ritengo questa serie in assoluta una delle più brllanti per quanto riguarda l'aspetto narrativo. La opening "trappola" come la definii anche io in occasione di una proiezione di gruppo è l'unica cosa "caramellosa" di una serie che fa della cattiveria più assoluta la sua ragion d'essere...
    La perla dell'anime è senz'altro il fatto che gli autori abbiano miscelato il genere maghette con un'opera come il Faust di Gohete (per chi è interessato a tutto il discorso delle rune che appaiono nell'anime consiglio la visione della wikia... vi assicuro che vi stupirete per tutte le simbologie contenute nell'anime).
    Un anime assoluto, che dovrebbe essere visto da tutti a mio avviso!

    Ps: vedo che ti piacciono i miei stessi personaggi. Su madoka invece in parte dissento, poichè alla fin fine si capisce che lei non è una vera protagonista, ma praticamente quello che narrativamente parlando sarebbe definito come "oggetto" della storia (la madoka protagonista è quella dell'ultimo ep e dell'ep 10, drammaticamente caratterizzata -la scena in cui uccide mami e poi scoppia a piangere disperata è fenomenale-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, mi è andata bene a questo giro, ma confido che qualcuno (dopo il panico iniziale di questi giorni) trovi rapidamente una gabola per ricominciare a condividere come prima.


      OCCHIO GROSSI SPOILER - NON LEGGERE SE NON HAI FINITO LA SERIE
      Su Madoka ho detto poco appositamente, in modo da non rovinare del tutto la sorpresa a chi leggesse la recensione (e stavo solo aspettando che qualcuno tirasse fuori l'argomento nei commenti per parlarne). In realtà il fatto che ci sia il suo nome nel titolo della serie è la seconda grossa trollata degli animatori ai danni degli spettatori, insieme alla sigla. Ci si aspetta una serie di maghelle classiche, con la tizia in rosa ad essere capogruppo e protagonista indiscussa e invece si trovano loop temporali e Maghe decedute in ogni dove.

      La Madoka protagonista secondo me è solo nelle sue prime versioni, quelle che muore per mano di Notte di Valpurga combattendo consapevolmente (diciamo tutte quelle Madoka che diventano Maghe prima di Homura). In seguito, per via delle manomissioni di Homura, cambia carattere e perde il suo ruolo, al punto da diventare solo un personaggio di contorno (e a quel punto le altre aumentano la loro rilevanza nella struttura narrativa, specialmente Homura che diventa quasi protagonista). Quella finale non è più una protagonista vera e proprio perchè trascende la sua natura umana e diventa più che altro a un concetto (la Speranza, un po' come la Provvidenza dei Promessi Sposi). Semplicemente nell'arco temporale in cui è ambientata la storia Madoka ha perso il suo ruolo di protagonista e tutta la sua importanza dipende solo dal karma che la lega, ponendola in una posizione astratta.
      In ogni caso a me è piaciuto molto come gli animatori siano riusciti a caratterizzare uno stesso personaggio in modi così diversi tra di loro ^^

      Elimina
  2. Fortuna che sono solo tredici episodi, perché mi toccherà metterlo in lista.
    Con una certa dose di sadismo mi piace immaginare delle maghette, di solito vezzeggiate da ogni autore di anime e manga, soffrire come si deve!
    In più mi incuriosisce l'aspetto grafico, voglio proprio vederle queste streghe bidimensionali.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le immagini delle Streghe non le ho messe appositamente, in modo da incuriosire il lettore della recensione e invitarlo a recuperare la serie. E' una serie che va incontro al gusto di tutti quelli che si erano stufati delle maghette super coccolate e perfette ;-P

      Elimina
  3. Lo spoiler mi ha fatto rotolare! XD
    Di Madoka Magica ho apprezzato anche i dialoghi, tipo quello tra la nostra piagnucolosa capelli rosa e sua madre, in una delle prime puntate. Oppure quello tra Sayaka e la sua amica che voleva soffiargli il violinista. C'era quel tocco di slice of life malinconico che contribuiva a conferire al contesto generale una dimensione estraniante.
    Anche se il miglior personaggio è chiaramente Kyubey. Meriterebbe un post intero soltanto lui!

    Nella versione italiana Homura sarà doppiata da Alessia Amendola, la stessa di C.C. in Code Geass. Considerando che i due personaggi in questione io li abbia trovati abbastanza simili mi aspetto grandi cose, almeno in questo caso.

    Di opening trolloniche ce ne sono al giorno d'oggi. Un'altra che mi viene in mente è quella di Narutaru.
    http://www.youtube.com/watch?v=SIF5BLyh3Mk&feature=player_embedded
    Poi però ti guardi l'anime e ti accorgi che le cose sono ben diverse...

    Ad ogni modo, io son sempre a disposizione.

    /人◕ ‿‿ ◕人\

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Kyubey "io non capisco i vostri sentimenti, dalle mie parti sono considerati malattie mentali" è un personaggio decisamente ben fatto perchè riesce ad essere I.C. in tutte le sue versioni. Ci voleva veramente poco a sbagliare tutto e a fargli provare qualche sentimento (anche solo una banale amicizia) per le maghette. Lui di per sé non è neppure cattivo, solo sfrutta gli umani per i suoi comodi (e per il bene dell'universo - secondo lui, ma questa affermazione è ancora da verificare) come si farebbe con un oggetto qualsiasi. A me (a proposito di dialoghi) è piaciuto tantissimo quello sulla termodinamica e l'allevamento di bestiame che fa Kyubey con Madoka, da un punto di vista puramente logico non fa una grinza ma è di una lucida ferocia impressionante. Specialmente quando, nell'arco narrativo in cui Madoka diventa una strega in grado di distruggere il mondo, Kyubey dice apertamente a Homura che a quel punto a lui del pianeta Terra non importava più nulla (aveva già ottenuto tutta l'energia che gli serviva), comportandosi come una sorta di allevatore a cui il pollaio va a fuoco e se ne sbatte delle sue galline, lasciandole morire senza remore perchè già abbastanza ricco.

      La versione italiana di Code Geass non l'ho vista. Guardo quasi sempre tutto in giapponese, i doppiaggi originali mi piacciono di più, non c'è nulla da fare. In tutto questo sembra che le reti in chiaro facciano del loro meglio per mandare in onda le serie interessanti quando io non posso vederle.

      Di Narutaru ho di nuovo informazioni frammentarie (non l'ho visto né ho letto il manga) ma da quello che ne ho letto in giro anche questa OP è decisamente una trollata. In ogni caso, meglio queste di quelle spoilerose ^^

      Elimina
  4. Questa serie merita tutto il successo che ha avuto proprio per la sua originalità. Sono contenta ti sia piaciuta. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, davvero. E' una di quelle serie per cui non bisogna fermarsi a guardare la locandina perchè è estremamente ingannevole ^^

      Elimina
  5. Sembra molto interessante, non avrei mai detto O_O
    Ti ho assegnato il premio blog versatile! Trovi premio e regole qui:
    http://conigliodellamoda.blogspot.com/2012/01/versatile-blogger.html
    Ma se non hai voglia di fare tutto l'ambaradan non mi offendo! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Neppure io, e invece una visione la merita sicuramente. Essendo poi solo tredici episodi è da non perdere ^^
      Grazie mille per il premio! Adesso gli trovo un posticino nel blog ^^

      Elimina
  6. 'sera,
    ho un po' di post da recuperare, ma ce la farò XD
    Questa serie mi è piaciuta molto e ne ho parlato anche io sul blog; ammetto di essermi avvicinata a lei perché adoro le majokko, ma poi mi sono trovata davanti un prodotto totalmente diverso da ciò che mi aspettavo e la cosa mi ha piacevolmente sorpresa *-*
    Realizzare un anime del genere partendo da un'idea pucciosa non è facile.

    All'inizio ho faticato un bel po' a mandar giù il personaggio di Madoka; la sua dolcezza è davvero vomitevole...fino alla fine mi sono chiesta perché fosse lei la protagonista visto che la trovavo inutile. Le altre combattono, muoiono, si struggono e lei piange e si lamenta?! L'avrei presa a badilate! Poi finalmente capisco perché lei è così e qual è il suo ruolo e rimango basita. Davvero davvero interessante!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Adesso vado a vedere anche il tuo post (me l'ero persa al tempo della sua pubblicazione) ^^
      La cosa bellissima di questa serie è proprio il fatto che all'inizio è talmente ben giocato che lo spettatore è convinto che sia una serie pucciosa classica, per cui viene quasi il nervoso per il fatto che Madoka e Sayaka tentennino sul fatto di diventare Maghe.

      Anche io avrei preso a badilate Madoka per quasi tutta la serie, mi aspettavo che facesse qualcosa, qualunque cosa, ma lei non combinava assolutamente nulla (tranne quella trovata idiota di lanciare via la Soul Gem di Sayaka). Nel finale si riscatta decisamente, ma viene fuori che il personaggio più importante è quella povera depressa di Homura. Madoka ha questo ruolo così importante di semi-divinità solo perchè è oggetto del potere dell'amica (e qui si intravvede un po' di sottotesto yuri ma magari sono io che ho la mente plagiata dalle CLAMP).

      Elimina
  7. Beh, nel frattempo Rai4 trasmetterà in prima visione Madoka Magica, doppiato in italiano e tutto quanto, a partire dal 12 febbraio alle 10.30.

    http://www.animeclick.it/news/31021-madoka-magica-ano-hana-dal-5-febbraio-su-rai4

    L'orario mattiniero lo vedo un pò insolito, ma l'avranno visto l'anime prima di decidere qualcosa? In Giappone lo trasmettevano a mezzanotte circa...

    RispondiElimina
  8. Errata corrige: non il 12, ma il 5 :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sapevo che sarebbe passato su Rai4 in febbraio ma non le date. Domenica mattina è decisamente una fascia oraria inusuale per un seinen, probabilmente non si sono resi conto di che cosa hanno in mano. Magari hanno visto solo la locandina e la sigla ;-P
      Almeno su Rai4 non ci delizieranno con una sigla italiana assolutamente random.

      Non so se hai visto ma Jul ha lasciato una domanda per te nella discussione su Rayearth.

      Elimina
  9. Non mi piacciono le maghette. E nemmeno la violenza gratuita. Se lo guardo dopo aver letto alcuni spoiler (tipo quello dell'episodio 3) non credo che me la goderò a pieno come serie, ma sei l'ennesima persona che me ne parla...quindi gli darò un'occhiata :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando ho iniziato a guardarlo ero conscia di quello che succedeva nell'episodio tre (è stato veramente impossibile evitare quello spoiler, un po' come quello sulla morte di un certo personaggio di One Piece) ma ti assicuro che le cose evolvono in modo completamente diverso da quello che ci si aspetta. L'episodio tre è veramente solo l'inizio, Madoka ha ancora un sacco di frecce nel suo arco ^^

      Elimina
  10. Speriamo...se un'anime lo consigli te lo guardo di sicuro :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per la fiducia (poi dimmi se ti è piaciuta). Se i seinen rientrano nei tuoi gusti vai tranquillo, è una serie che dà soddisfazione sotto molti punti di vista ^^

      Elimina
    2. Vista tutta la serie e devo dire che mi ha particolarmente sorpreso. L'ho divorata in due giorni e sono contento di averla vista, anche se non è un capolavoro. Gli sfondi e le colonne sonore mi sono piaciute molto e sono d'accordo sul fatto che la protagonista è inutile ed odiosa xD Detto questo ti spammo un minisito che ho fatto ieri sotto effetto di droghe pesanti --> www.superbuse.it/Kyubey/

      Elimina
    3. Il bello di questa serie è proprio il fatto che sovverte le normali consuetudini sulle storie di majokko, unendo il tutto ad una grafica eccellente. Anche Madoka è funzionale a questo, lei diventa l'antitesi eroina classica che risolve positivamente ogni scontro solo per la sua raccomandazione da protagonista (vedi Sailor Moon, Sakura, ecc), riducendosi praticamente per tutta la serie ad essere una mera comparsa ^^

      Ho visto il minisito dedicato a Kyubey, molto carino ^^

      Elimina
  11. Beh, visto che quello spoiler ormai lo sa tutto il mondo, vedetevi questo!

    http://www.youtube.com/watch?v=xYtMNFTt-Y0&feature=related

    XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissima XD Questa scena l'ho già vista ri-sottotitolata in svariati modi ma è sempre divertente ^^

      Elimina
  12. mi ricordano le Mew Mew. Non so perchè

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che sia fatto appositamente per ricordare le serie più famose degli ultimi (ormai neppure troppo ultimi) tempi. In realtà il contenuto è molto diverso ^^

      Elimina
  13. Finito or ora :)
    Come sempre grazie per il consiglio, meritava!
    In realtà io trovo abbastanza appropriato che la serie sia intitolata a Madoka, del resto pur non essendo particolarmente attiva (ok, non fa nulla di nulla) tutto accade in sua funzione. Per quanto piagnucolosa non l'ho trovata nemmeno troppo irritante: oddio, questo anime ha acceso in me una scintilla di buonismo! In fondo ho provato molta compassione per tutti i personaggi, ognuno aveva una sua storia personale triste (tranne Madoka, ma poi gliel'hanno creata intorno) e nessuna agiva senza motivazioni. L'unica che proprio avrei bastonato è quella gigastronza di Hitomi che frega il ragazzo da sotto il naso alla sua cara amica! Ma si fanno ste cose??
    Kyube coi suoi ragionamenti perfettamente logici e spietati lo vorrei sciogliere nell'acido, vorrei creassero uno spin-off con puntate da pochi minuti in cui viene ucciso in modo atroce in ogni episodio... che dici, ce l'ha un mercato? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che il titolo è a metà tra il mega spoiler e la trollata. Nel senso che lei effettivamente non fa praticamente nulla fino all'ultimisimmo mentre lo spettatore è sempre tenuto sul filo (sa che lei è la protagonista la vorrebbe veder agire) e si aspetta che da un momento all'altro anche lei diventi una maga e sistemi tutto (un po' come fanno le classiche protagoniste degli anime sulle majokko). Forse il titolo più appropriato sarebbe stato Puella Magi Homura Magica, ma in quel caso si sarebbe capito subito il gioco tra i personaggi ^^

      Alla fine Hitomi frega il ragazzo all'altra senza sapere tutta la storia dietro. Più che altro trovo stronzo lui che si dimentica di Sayaka (che si è fatta in quattro per lui fino a quel momento) nel giro di trenta secondi. Non si preoccupa per lei, né la cerca mai. Però bisogna anche dire che i gusti sono gusti, magari a lui i capelli azzurri proprio non piacevano XD

      Approvo pienamente lo spin-off su Kyubey usato come cavia per le migliori morti dell'anno. Almeno due spettatrici questa serie ce l'avrebbe! ^^

      Elimina
  14. Direi che è una serie molto più profonda di quello che si aspetta. Quando andai a vederla anche io pensavo a qualcosa di già visto e rivisto. Invece no e mi ha presa inaspettatamente tanto da vedermi la serie su popTv ma anche doppiata in italiano.
    Su Kyosuke e Sayaka... beh in Madoka Portable Sayaka diventa strega anche stando con Kyosuke perché duventare Streghe è purtroppo un destino ineluttabile per le Puellae.

    Il titolo non trae in inganno. Infatti alla fine scopriamo che TUTTO ruota su Madoka, quindi è azzeccatissimo XD Che Madoka non faccia nulla si sa... ma dovresti ricordare la scena dove Sayaka e Homura si scontrano e Sayaka fa: "non mettere Madoka nel discorso. Lei non c'entra". E Homura risponde "Madoka c'entra. Si fa tutto per lei" o qualcosa di simile lasciando ad intendere che il suo sacrificio è solo per lei (non ricordo quante volte ho guardato questo anime XD)
    Kyubey poi... l'alieno fluffoso dalla stronzaggine illimitata. Almeno madoka è stata capace di metterglielo a quel posto! XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa che in prima battuta l'avevo proprio scartata, guardando le locandine mi aspettavo le solite magette carucce con delle storie pucciose e l'ho poi recuperata dietro suggerimento.
      Madoka Portable non l'ho giocato XD

      [SPOILER VARI SU MADOKA]
      Certo, tutto ruota su Madoka ma solo perché Homura è ossessionata da lei. In realtà il motore della storia è proprio Homura con la sua mania di cercare di salvare Madoka (e per cui finisce a fare danni immensi!). Madoka non fa nulla, aspetta solo che Homura faccia la sua mossa (che ad ogni ciclo cambia, visto che Homura mantiene la memoria e cerca di non ripetere gli stessi errori fatti in precedenza). Anzi, se proprio devo dire, prima dell'intervento di Homura, Madoka era una ragazza magica come tante altre, senza lode e senza infamia ^^

      In realta madoka frega a metà Kyubey, perché alla fine si sacrifica ma non riesce comunque ad impedire che le ragazze diventino maghe ^^
      Io avrei desiderato che il Kyubey non fosse mai esistito ;-P

      Elimina
  15. Premetto che ho finito di guardare questo anime solo oggi, più che altro incuriosito dalla tua recensione. Non l'avevo letta tutta, ovvio, ma quando ho letto di un anime in stile majokko con tematiche e scene così crude... Mi ha incuriosito! Prima ne avevo sentito solo parlare, dato che non ho una gran cultura di anime, ma pensavo fosse la solita serie buonista. Mi sbagliavo!
    Che dire: la serie è davvero ben fatta, e funziona egregiamente nel creare un'atmosfera di tensione che dura fino all'ultimo episodio. Non so perché - sarò stato prevenuto - ma già fin dalle prime scene si percepiva un che di inquietante... non saprei dirlo a parole!
    Bellissime le scene di combattimento contro le Streghe, fra le cose più inquietanti che abbia mai visto.
    Geniale, poi, l'idea che gran parte del merchandising legato a questa serie rispetti l'illusione creata dalla sigla, tutta piena di zucchero e carinerie!
    Concordo con chi vorrebbe far morire Kyubey nei peggiori modi possibili!
    L'unica cosa che non ho capito è cosa siano gli spettri della realtà creata nell'ultimo episodio: sono una sorta di versione alternativa delle Streghe?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il bello di questa serie è che dal punto di vista estetico è molto convincente sul fatto di sembrare una classica storia di maghette trasformelle super buoniste. Poi ti frega. E con te frega anche le sue protagoniste, che ci mettono davvero tanto a capire che diavolo stia succedendo intorno a loro.

      L'atmosfera è giocata davvero ad arte. Se tu ti aspetti che stia per succedere qualcosa, allora comincia a vedere i primi segnali (specialmente nel comportamento di Homura, all'inizio io l'avevo etichettata come scassaballe e basta, ma con il senno di poi il suo modo di fare era davvero strano!) ^^

      Kyubey credo che sia il personaggio più detestato degli ultimi anni. Riesce ad attirarsi le ire funeste nonostante l'aria pucciosa e la vocetta carina ^^

      [SPOILER FINALE]
      In pratica, perlomeno per come l'ho capito io, Madoka si sublima come una specie di divinità protettrice delle Maghe e, al momento della loro trasformazione ne salva le anime, impedendo la creazione delle streghe. In realtà con il terzo film (che non ho ancora visto - i primi due sono un riassunto della serie) la storia prosegue e pare che non sia ancora conclusa. Forse vi saranno altri film, forse una seconda serie, ma nulla è molto chiaro, ora come ora. ^^

      Elimina
    2. ATTENZIONE SPOILER
      Però, lasciando perdere la trama del terzo film (che, devo ammettere, mi incuriosisce assai), non ho proprio capito la questione degli spettri nell'ultimo episodio, che le Maghe della realtà definitiva cacciano come prima cacciavano le Streghe! Questo è proprio il punto che mi sfugge!

      Elimina
    3. [SPOILER]
      In realtà quel punto non è chiarissimo. È un po' come se Madoka avesse avuto il potere di salvare le sue colleghe ma non quello di cambiare il passato, per cui quelle che sono diventate Maghe, Maghe restano e vanno incontro al loro destino ^^

      Elimina

Un commento è sempre molto gradito!

Se non ha voglia di loggarti, ricordati che con l'opzione Nome/Url puoi mettere un semplice nick di fantasia (la Url non è obbligatoria), così nelle risposte non verrai confuso con altri Anonimi.