venerdì 6 aprile 2012

21

Webcomics 09 - eMMeKappa

Rieccoci ad un’altra puntata della rubrica aperiodica Webcomics, dove cerco di scovare e recensire le migliori serie di fumetti on-line disponibili. Per una volta, vorrei dare spazio ad una realtà emergente della mia città, parlando del lavoro di due ragazzi di Torino che si occupano di illustrazioni e fumetti. Quindi, per oggi niente titoli famosi e con una lunga carriera alle spalle, ma andiamo a vedere qualcuno che cerca di fare fumetto in Italia oggi partendo da zero. Il primo componente del duo eMMeKappa (per età) è Umberto Mangiardi, classe 1988, che si occupa della sceneggiatura dell’opera e dei testi del loro blog, Pioggia di ChinaCliccare qui per vedere il loro lavoro, mentre l’altra, Virginia Chiabotti, che si premunisce di sottolineare di essere del 1990, quindi più giovane del collega, è la disegnatrice. Nel 2010 si sono proposti con la striscia Fosbury, la prima pubblicata sul sito, al concorso di Lucca Comics, meritandosi la menzione speciale. A Torino Comics dell’anno successivo (2011) hanno invece vinto il premio Pietro Miccia con le strisce del gruppo Black & Orange che potete trovare qui.


Giò e Yannick in azione

Come si può osservare dal materiale presente sul loro blog si può apprezzare il tratto pulito e simpatico di Virginia, su cui si innestano perfettamente le battute taglienti di Umberto. I personaggi principali dell’opera sono due bambini, simili per età ma che formano una curiosa dicotomia, creata appositamente per alterare i classici stereotipi razziali. La prima è Giò, una bambina bianca, vivace e allegra, campagnola di origine e dotata di una allegra zazzera arancione (che non si vede perché il fumetto è in bianco e nero ma fidatevi). Diretta, poco curata nel vestiario e grossolana, tradisce con ogni suo gesto le sue origini rurali. Al suo fianco compare Yannick, un bambino di colore proveniente dall’alta società, studioso, rigoroso e sempre ordinato in tutto, abbigliamento compreso. Il contrasto visivo tra questi i due viene accentuato dai loro caratteri così differenti, che li portano ad una continua e perpetua controversia verbale sui piccoli e grandi problemi della vita quotidiana. Si passa da situazioni che hanno origine e svolgimento all’interno dell’ambiente casalingo (come l’importanza dell’ordine in cui fare i lavori domestici, da non sottovalutare) a temi ben più spinosi come quello dei centocinquant’anni dell’unità d’Italia.

Differenti vedute su una corretta scaletta della propria giornata

Recentemente hanno rallentato ulteriormente il loro ritmo di pubblicazione (già blando per motivi di lavoro), per poter realizzare le illustrazioni per un interessante libro di Educazione Civica, Vademecum per le Istituzioni, scritto da Saulle Panizza e Elettra Stradella, professori di diritto dell’Università di Pisa, che si apre con una Prefazione scritta da Gianfranco Fini, Presidente della Camera dei deputati. In un serissimo volume pensato per gli studenti delle scuole medie, incentrato sul funzionamento dei fondamenti della nostra Repubblica e soprattutto sulla Costituzione, i due autori propongono un set di vignette e strisce originali e brillanti (oltre che giuridicamente ineccepibili), che riescono nella difficile impresa di catturare l’attenzione anche di uno studente distratto e svogliato (oltre alla mia, dato che sto sfogliando il volume invece di finire la recensione). Giò e Yannick accompagnano il lettore durante tutta l’opera, discutendo con il loro inconfondibile stile diretto di argomenti normalmente considerati noiosi (non me ne vogliano i giuristi, io accetto di sentirmi dire che certe materie scientifiche tipo la matematica non siano il top per loro), e riuscendo a renderli interessanti.

Puntate precedenti della rubrica
(Ricordo che chi conosce dei webcomics e vuole vederli recensiti basta che me li comunichi in un commento e provvederò a inserirli in lista)




  • webcomics 00 - introduzione
  • webcomics 01 - eriadan
  • webcomics 02 - MoStrip
  • webcomics 03 - Wulffmorgenthaler
  • webcomics 04 - Mulholland Dave
  • webcomics 05 - Singloids
  • webcomics 06 - InkSpinster
  • webcomics 07 - The Sparker
  • webcomics 08 – Dilbert
  • author

    SCRITTO DA: Acalia Fenders

    Sono una blogger di Torino che si occupa di fumetti e animazione dal 2010. I mei interessi spaziano dai classici fumetti (di cui ha una considerevole collezione) ai telefilm, dai film ai cartoni animati (anime e non!). Amo il Giappone e ho una sconsiderata e inarrestabile passione per Batman.





    21 commenti :

    1. Ciao Acalia, passo al volo per salutarti e augurarti una pasquina bella bellina!

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Grazie, buona Pasqua anche a te ^^

        Elimina
    2. Ma sono così giovani! Faccio sempre fatica a concepire che ormai le persone nate nel '90 hanno 21 anni ed è plausibile che lavorino e dimostrino il loro talento, quando ci penso mi sento sempre vecchia e sprecata. C'è da dire che meritano, la grafica "pacioccosa" dei bambini unita alla divertente ironia dei dialoghi funziona benissimo.

      RispondiElimina
      Risposte
      1. mi ricordano un po' Calvin&Hobbes! i bambini sono sempre un'ottima fonte di risate ^__^

        Elimina
      2. @auromaticjoy: anche io ci sono rimasta male quando ho fatto il calcolo dell'età. Pensavo che fossero più vecchi di me XD

        @Anonimo: specialmente quando parlano di argomenti da adulti ^^

        Elimina
    3. I disegni hanno veramente un bel tratto e le situazioni sono simpatiche, sono giovani ma credo che sentiremo ancora parlare di loro ;)

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Speriamo, meritano di essere conosciuti di più. In ogni caso si sono fatti già notare in due premi ^^

        Elimina
    4. Secondo me l'idea del bambino di colore che spiega la Costituzione agli italiani è geniale ;-)

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Anche io l'ho trovata molto interessante ^^

        Elimina
    5. Per me è una gioia sapere che sono giovanissimi e così pieni di talento. Alla faccia di chi crede poco nelle nuove generazioni!
      P.s. Buona Pasqua!!

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Concordo pienamente ed è anche bello che in rete trovino un mezzo di comunicazione del loro talento ^^
        Buona Pasqua anche a te ^^

        Elimina
    6. Davvero molto interessante ed originale come idea. I personaggi non sono per nulla noiosi.
      A proposito tantissimi auguri di buona Pasqua ;D

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Trovo molto carina l'idea di alterare i ruoli classici dei personaggi ^^
        Buona Pasqua anche a te ^^

        Elimina
    7. Sei una miniera di informazioni!
      Sono di Torino, hanno vinto il premio P. Miccia e manco li conoscevo XD Sono un caso patologico =_=

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Grazie ^^ Di cose da sapere e conoscere ce ne sono sempre troppe, per cui è normale perdersene qualcuna (non sai quante ne scopro io leggendo i blog degli altri) ^^

        Elimina
    8. Stupendo!

      Grazie mille per il commento e buona Pasqua :)

      CIAO!!!

      RispondiElimina
    9. Mi piace questo tuo voler promuovere i giovini emergenti!
      Non mi prende del tutto, ma vedrò di darci un'occhiata più approfondita.

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Grazie, mi fa piacere che questa rubrica sia apprezzata ^^ Questi due ragazzi sono decisamente interessanti, secondo me da tenere d'occhio ^^

        Elimina
    10. Cavoli! Con soli due anni di ritardo, grazie davvero per aver parlato così bene di noi! Davvero è stata una bellissima sorpresa e anche un po' uno sprone a tornare a disegnare webcomics! GRAZIE!
      Virginia

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Figurati, è un vero piacere e spero davvero che torni in pista! (E non ti preoccupare per il tempi, un commento di un'autrice mi fa sempre piacerissimo).

        Elimina

    Un commento è sempre molto gradito!

    Se non ha voglia di loggarti, ricordati che con l'opzione Nome/Url puoi mettere un semplice nick di fantasia (la Url non è obbligatoria), così nelle risposte non verrai confuso con altri Anonimi.