venerdì 17 maggio 2013

25

Tiger & Bunny - Gli eroi con il brand delle grandi ditte!

Locandina della serie
Tiger & Bunny (タイガー&バニー Taigā Ando Banī) è una serie seinen del 2011, prodotta dalla Sunrise per la regia di Keiichi Satou. In seguito al gran successo dell’anime sono stati annunciati due film animati, di cui il primo (Gekijō-ban Tiger & Bunny -The Beginning-) è già stato rilasciato nel 2012, mentre il secondo (Gekijō-ban Tiger & Bunny -The Rising) è previsto per il febbraio 2014. Dalla serie sono anche stati tratti un manga one-shot, disegnato da Masakazu Katsura (autore di opere come Video Girl, Zetman e DNA2), che ha anche curato personalmente il character design dell’anime, e una serie manga, adesso arrivata al terzo volume, con i disegni di Mizuki Sakakibara, che ricalca la trama dell'anime originale. In Italia la serie animata è ancora inedita, ma si trova facilmente sottotitolata.

La città di Sternbuid
La serie è ambientata in futuro immaginario (anno 1978 NC), in cui una reinventata New York ha preso il nome di Sternbuild City. Da quarantacinque anni sono cominciati a comparire i NEXT, degli esseri umani dotati di superpoteri e alcuni di questi, manco a dirlo, hanno cominciato a fare i supereroi. Non bisogna pensare però ai classici eroi dei comics americani ma ad una loro versione esageratamente commerciale, visto che questi soggettoni fanno i paladini della giustizia per lavoro.
Molto, molto commerciali!
Sono pagati da un’emittente televisiva (la Hero TV, che li riprende mentre sono in azione) e sponsorizzati da fior fiore di ditte che ne approfittano per appicciare i loro brand su tute, uniformi e armature (brand di ditte vere, tra l’altro, come la Pepsi o la Bandai! Mai sprecare una buona occasione di fare pubblicità). Come se tutto questo non bastasse, i nostri eroi competono tra di loro in un torneo a punti per il titolo di Re degli eroi, punti che si guadagnano arrestando malviventi o salvando ostaggi e gente in pericolo (cioè, Batman tipo vomiterebbe solo all’idea)!
Tiger (in verde) e Bunny (in rosa)
Il protagonista di questa storia è uno di questi eroi, l’esaltato combina guai Wild Tiger (Kotetsu T. Kaburagi), che un bel giorno si vede assegnare dalla Apolon Media, la sua compagnia, un compagno, il bellissimo precisino della fungia Barnaby Brooks Jr. 
All’inizio Kotetsu è riluttante all’idea di avere un partner (anche perché Barnaby è veramente insopportabile!) ma, pian piano tra i due si instaura un rapporto di amicizia e di reciproca fiducia. Ovviamente nel frattempo le cose non vanno tutte lisce (se no che cartone sui super eroi sarebbe!?) e compaiono un’organizzazione malvagia dal nome Ouroboros, la stessa organizzazione che anni prima aveva fatto massacrare i genitori di Barnaby il giorno della vigilia di Natale, e Lunatic, un giustiziere che uccide i criminali.

Tiger in quasi borghese
I personaggi più importanti messi in scena sono, ovviamente Wild Tiger (il Tiger del titolo) e Barnaby (chiamato amichevolmente Bunny-chan dal suo compagno di team) e sono caratterizzati da due psicologie diametralmente opposte: Tiger è apparentemente un casinista spensierato, di quelli che prima agiscono e poi pensano, ma tende a tenersi tutti i suoi problemi dentro, facendo buon viso a cattivo gioco, mentre Bunny è apparentemente serio e determinato, ma è anche uno che si appoggia molto a chi gli sta intorno, finendo per scaricare su Tiger molti dei suoi problemi.
Fire Emblem e la sua caratterizzazione
Assieme a questi due ci sono parecchi altri eroi: Fire Emblem (uno dei miei favoriti, con i suoi capelli rosa come Mikako Koda negli ultimi volumi di Cortili del Cuore e i suoi poteri del fuoco), Sky Hight (il mio preferito, un tenerone super motivato nel lavoro), Blue Rose (la ragazzina che vuol far la idol e, suo malgrado, si trova nel mondo della lotta al crimine), Rock Bison (il solito energumeno che le prende secche, perché ci vuole sempre un energumeno che le prenda secche), Dragon Kid (la bambina cinese esperta di arti marziali e capace di lanciare fulmini: pericolosissima!) e Origami Cyclone (quello che passa il tempo a decorare lo sfondo. E sta volta non scherzo, quello è veramente il suo ruolo nell’anime!).
Da sx: Origami Cyclone, Sky Hight,
Blue Rose, Rock Bison e Fire Emblem
Il problema principale di questa serie è che i suoi personaggi, escludendo i protagonisti, sono davvero molto stereotipati e l’approfondimento psicologico che ricevono è proprio minimo. Persino dei nemici importanti come Jake e Kriem non ricevono l’adeguato spessore psicologico e rimangono delle mere figure che non riescono a conquistare pienamente lo spettatore.

Quello psicopatico di Lunatic
Dal punto di vista tecnico si tratta di una serie decisamente ben realizzata, con un character design classico che ben identifica i personaggi e animazioni fluide e di grande impatto visivo (specialmente quando i vari personaggi usano le loro tecniche speciali). Molto ben integrate sono le parti realizzate in CGI (e sono parecchie, visto che molto del movimento degli eroi è fatto in questo modo) e la colonna sonora è accattivante (anche se non indimenticabile). Il doppiaggio originale è ottimo e ben si adatta a tutti i personaggi messi in scena.

Gli eroi della giustizia
In conclusione Tiger & Bunny è una serie abbastanza divertente e dinamica, ottima per chi ha voglia di guardarsi un anime dove l’azione faccia da padrona e che non si soffermi a notare che alcuni personaggi sono caratterizzati veramente al minimo (parliamo di Fire Emblem e Rock Bison? Non hanno avuto neppure il flashbackino d’ordinanza!).
Jake, un altro psicopatico
Personalmente ho trovato la seconda parte della serie più interessante della prima, dove almeno cominciano a dipanarsi i nodi sulla morte dei genitori di Bunny e cominciano a uscire allo scoperto alcuni marciumi che si annidano nel sistema degli eroi, mentre la prima parte serve solo a presentare i personaggi e l’ambientazione. Tiger e Bunny non è sicuramente un capolavoro o una serie indimenticabile ma, almeno, ha il pregio di scorrere via rapida e piacevole, un episodio dietro l’altro.


Prima opening della serie

author

SCRITTO DA: Acalia Fenders

Sono una blogger di Torino che si occupa di fumetti e animazione dal 2010. I mei interessi spaziano dai classici fumetti (di cui ha una considerevole collezione) ai telefilm, dai film ai cartoni animati (anime e non!). Amo il Giappone e ho una sconsiderata e inarrestabile passione per Batman.





25 commenti :

  1. Io ero attratta dal manga ma per questioni di spazio/soldi/tempo per leggere che è sempre meno, non l'ho preso.. però alla serie animata potrei dare un'occhiata!
    Sono cmq contenta che non è il capolavoro del secolo.. così non ho rimorsi per non averlo preso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ti ispira ti consiglio comunque la serie animata, visto che il manga è stato disegnato a partire da quella e non aggiunge assolutamente nulla (e si perdono colori, animazioni e comparto audio) ^^

      Elimina
  2. Mi sembrava simpatica, ma proseguendo nella lettura della recensione mi è venuto il timore che seguisse un po' la stessa traiettoria di Samurai Champloo: la prima parte super cazzonissima e dalla tredicesima puntata mega riassunto e svolta a tono serioso ed inadeguato.

    Purtroppo nelle serie anime è facilissimo che la seriosità spesso cozzi con tutte le altre caratteristiche della serie o che venga mal esposta ed abbozzata, come in Cowboy Bebop che ho rivisto proprio l'anno scorso seguito da Trigun e sono rimasta molto delusa dall'andazzo degli avvenimenti sia dell'una che dell'altra serie (salvo per le caratterizzazione di Faye Valentine che mi è piaciuta parecchio)e che da piccola avevo seguito in modo saltuario; è il problema di creare personaggi troppo esteticamente fighi cui poi viene difficile associare un 'dramma' alle spalle, a meno che non sia veramente, ma veramente ben approfondito e contestualizzato.
    D'accordo che si segua la logica del 'apparentemente sono un cazzone, ma dietro di me c'è una storia importante', ma per farlo bisogna osservare e curare più da vicino i personaggi già prima che l'arcano venga svelato, a mio parere almeno!

    Comunque era da un po' che non sentivo il nome di Masakatsu Katsura, avevo letto Video Girl Ai e Video Girl Len ed il suo disegno mi è sempre piaciuto moltissimo!

    Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che c'è una svolta nella struttura degli episodi solo perchè l'ambientazione è stata ultimata e tutti i personaggi presentati, per cui si entra nel vivo della trama. Non c'è un cambio di tono o altro. Il primo grosso nemico è sconfitto e si procede spediti verso il secondo ^^

      Trigun, Cowboy Bebop e Samurai Champloo mi sono piaciuti tutti e tre (tranne il drammatico scontro finale Vash vs Knives, che fa veramente ridere i polli) e personalmente apprezzo le svolte drammatiche delle serie, specie se portati avanti da un buon flashback e da una caratterizzazione progressiva dei personaggi. Non so se di Trigun hai letto il manga ma lì la storia è molto più lunga e molto più drammatica. Poi, diciamocelo, Vash fa finta di essere spensierato e allegro ma è un depressone che metà basta. E nell'originale è anche più depresso. Nel caso di Tiger & Bunny non si arriva di certo a quei livelli di dramma esistenziale, anzi, anche il discorso dei genitori morti (e una disgrazia che succede a Tiger) viene trattato in modo più leggero ^^

      Ho letto anche io Video Girl, mi ricordo che alcune cose mi erano piaciute e altre mi avevano fatto storcere il naso, ma dovrei rileggerlo per tirare fuori una discussione sensata ;-P

      Elimina
    2. Il fatto è che li ho trovati abbastanza inconsistenti proprio a livello contenutistico: [SPOILER 1] Julia è una biondona che esiste solo in quanto femme fatale che si è trovata in mezzo a due amiconi e colleghi di lavoro finendo per diventare la causa della loro eterna rivalità alimentata soprattutto da Vicious, ma rimane una figurina non è un personaggio non sviluppa una psicologia né approfondisce quella di Spike, tant'è che alla fine quando salta fuori tipo fungo sembra quasi ridicola oltre che guastafeste, a dispetto invece di una Faye Valentine che tenta almeno di ricostruire se stessa, che soffre, piange e lo fa in solitudine e con dignità e per un motivo ben più profondo che una scontatissima vecchia storia d'amore, e sviluppa la sua storia in relazione al suo comportamento nei confronti degli altri. Ed è' un peccato che sia così, perché i personaggi di Cowboy Bebop offrirebbero tutti miliardi di spunti su cui lavorare, Spike stesso è sprecato in tutto questo inghippo sentimentale cui è stata appiccicata in maniera posticcia tutta la questione di poteri ed organizzazioni, a mio parere! [FINE SPOILER 1] - Per Trigun è vero che è un depresso cronico, ma personalmente ho trovato il retroscena eccessivamente adolescenziale nelle tematiche e quindi non ho potuto del tutto condividerlo; è stato consequenziale poi che mi crollasse anche tutto il sistema della storia, nonostante il personaggio in sé sia simpaticissimo! Comunque no, il manga non l'ho letto anche perché credevo derivasse dalla serie tv, ma leggo adesso che non è così! Magari gli getterò uno sguardo, può essere che ci sia più spazio per gli approfondimenti. :)

      Se ben ricordo, una lite fra fratelli estesa a tematiche più ampie la affronta anche Fuyumi Souryo in ES - Eternal Sabbat. Ricordo che mi piacque molto, se ti capita fra le mani dagli un occhio! :D

      Elimina
    3. Cowboy Bebop l'ho visto un secolo e mezzo fa, per cui dovrei ripassare. In ogni caso ricordo che [SPOILER] Julia era una vera palla al piede e fa anche un bruttissima fine gratuita. In ogni caso spesso negli anime le vecchie storie d'amore portano i personaggi a fare le pazzie peggiori e Cowboy Bebop aveva bisogno di un finale ad effetto e Julia serve proprio a creare quello (avrebbe anche potuto essere solo un flashback) [FINE SPOILER].

      [SPOLIER SU TRIGUN] Bhe, il problem tra Vash e Knives non lo definirei adolescenziale, ma anzi, che nasce da una visione completamente diversa che i due fratelli maturano man mano che diventano adulti. Vash cerca di mantenere la sua pura fanciullezza, mentre Knives diventa presto uomo e conquistatore. Per la loro lotta ci va di mezzo non solo la figura materna di entrambi ma, soprattutto, un'intera città! Poi la storia nel manga è un po' più approfondita e Vash fa parecchio meno il cretino. Il grosso difetto del manga è il disegno confusionario dell'autore (nei combattimenti si fa fatica a seguire le scene). Prima o poi lo recensisco ;-P [FINE SPOILER SU TRIGUN].

      ES mi manca (come tutte le opere lunghe della Soryo9 >__<

      Elimina
  3. Finalmente posso dare un'opinione ponderata: questo manga non mi è piaciuto per niente...
    Avevo apprezzato abbastanza/molto alcuni episodi dell'anime, quindi ho preso il manga convinto di ritrovarvi le stesse atmosfere, ma mi ha completamente deluso. Forse sono io fuori target, ma questo manga mi sembra così costruito a tavolino da risultare gelido e inefficace.
    Ok, ho una copia del n. 1 da regalare, a chi interessa? :-)
    Saluti e sempre complimentissimi!
    Orlando

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il manga non l'ho letto ma evito sempre accuratamente i manga tratti dagli anime, normalmente sono delle mezze (se non integrali schifezze!). In ogni caso sono sempre inferiori alla versione animata originale (come anche gli anime tratti da manga di solito sono inferiori ma se ben realizzati, aggiungendo colori movimento e colonna sonora, a volte compensano) ^^
      Se i primi episodi dell'anime ti erano piaciuti piuttosto finisci quello, alla fine non è male come visione ^^

      Elimina
  4. Finalmente qualcosa di veramente interessante... ultimamente c'era poca roba

    RispondiElimina
  5. Mi ispirava il manga, ma non avendo soldi per cominciare a muzzo una nuova serie di cui non sapevo niente ho lasciato perdere e ora sento di aver fatto bene, non sapevo fosse tratto dall'anime e non viceversa! Se posso non prendo mai manga tratti da anime, in genere fanno schifo!
    Piuttosto proverò un po'dell'anime.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io evito sempre accuratamente i manga tratti da anime (dopo quella volta che lessi un pezzo del manga di Code Geass ho smesso per sempre). La serie non è male e sicuramente te la consiglio rispetto al cartaceo ^^

      Elimina
  6. Avevo già sentito parlare di questa serie da qualche parte, l'idea di base imho è geniale (supereroi brandizzati), e il character design dei personaggi mi piace molto... prima o poi devo vederlo :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'idea di base è molto carina, anche perchè mi sembra anche giusto remunerarli questi eroi per il servizio pubblico che fanno ;-P

      Elimina
  7. Ma lo sai che non lo mai visto!
    Sono curioso perhcè di tutti e due i prodotti (amime e manga) me ne stanno parlando bene

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti consiglio di guardare l'anime, il prodotto originale solitamente è molto meglio del derivato ^^

      Elimina
  8. Adoro TIger&Bunny! *___*
    I miei personaggi preferiti sono Tiger e Sky High! *-*
    Per quanto riguarda l'approfondimento di alcuni personaggi secondari, sono d'accordo. Però a quanto ho capito dovrebbe uscire un film (o è già uscito ?_?) intitolato "T&B: The Beginning" in cui dovrebbe essere mostrata la storia di tutti i vari eroi...ma non ci metto la mano sul fuoco perchè ho letto le notizie tempo fa e mi sono persa con gli annunci nell'ultimo periodo >.<

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rettifico: una mia fonte certa mi ha confermato che i film in programma sono due XD
      uno è The Beginning e l'altro The Rising. Il primo dovrebbe essere una sorta di recap con l'aggiunta di scene nuove, mentre il secondo dovrebbe avere una trama a parte. In giro dovrebbero esserci i trailers giapponesi del primo. ^^ Scusa ma avevo fatto confusione @.@

      Elimina
    2. Io ho avuto una passione fulminante per Sky Hight [SPOILER] e mi è dispiaciuto tantissimo che fosse evidente che non avrebbe potuto tenersi il titolo di re degli eroi perchè sarebbe andato a quel fighetto di Bunny [FINE SPOILER]. Il primo film è già uscito nel 2012, mentre il secondo uscirà nel 2014. [SPOILER SUL FINALE] E' un po' un peccato che il finale sia lasciato aperto, c'era spazio per fare una seconda serie, o dei film aggiuntivi che facessero vedere la lotta finale contro Ourobors [FINE SPOILER] ^^

      Elimina
    3. E' un personaggio dolcissimo ** e ha un golden retriever *_* Bunny lo prenderei volentieri a sberle, con quei suoi capelli a polpo >_> Solo Tiger potrebbe reggerlo XD
      SPOILER
      sono d'accordo...io ero sicurissima che facessero una seconda stagione dopo poco tempo, anche perchè ha avuto abbastanza successo. Forse aspettano i risultati del film :/ continuo a sperarci xD sembravano essere entrati in gioco elementi e nemici più interessanti **
      FINE SPOILER

      Elimina
    4. Bunny credo che volessero renderlo il gran figo dannato che fa andare in brodo di giuggiole grandi e piccini ma hanno calcato un po' la mano con la caratterizzazione ed è uscita una mezza ameba bionda con la depressione facile XD
      Davvero solo Tiger può reggerlo!

      Con quel finale me lo aspettavo anche io! Sembra studiato appositamente per fare una seconda serie. Se il film andrà bene, potrebbero pensarci (spero) ^^

      Elimina
    5. E' vero xD oppure lo hanno reso un po'(è un eufemismo XD) antipatico volontariamente per mettere in evidenza la nobiltà d'animo di Kotetsu. Fatto sta che Bunny resta un polpo emo u.u

      Non ci resta che incrociare le dita e sperare in incassi da record XD Se boiate come Uta no Prince sama possono avere una seconda stagione, per T&B le speranze dovrebbero esserci eccome! °°

      Elimina
    6. Anche possibile, ma, in quel caso, meno antipatia che se no diventa insopportabile XD

      Speriamo bene, un seguito lo merita. Non sarà il capolavoro della vita ma mi piacerebbe vedere questa benedetta Ouroboros fare una brutta fine ^^

      Elimina
  9. Sembra carina, ma non so se riuscirei a guardare tutta la serie..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La serie è indubbiamente carina, potresti provare ;-P

      Elimina

Un commento è sempre molto gradito!

Se non ha voglia di loggarti, ricordati che con l'opzione Nome/Url puoi mettere un semplice nick di fantasia (la Url non è obbligatoria), così nelle risposte non verrai confuso con altri Anonimi.