venerdì 13 dicembre 2013

66

È meglio l’anime o il manga?


Questa è una domanda classica che qualunque appassionato di anime e manga prima o poi si pone. Sfatiamo un mito: il manga non è sempre meglio dell’anime! Anzi, aver letto il primo volume di questo può essere fuorviante sulla reale qualità dell’anime da cui è tratto! (quindi quelli che dicono “Non guardo Code Geass perché ho sfogliato in fumetteria il primo volume del manga e mi ha fatto cagare” commettono un grave errore di valutazione). Dopo il salto vedremo anche il perché!

Per affrontare il problema ma è meglio l'anime o il manga?, ho deciso di realizzare una trattazione in quattro semplici punti, in cui espongo la questione secondo il mio punto di vista:


1) Il manga è migliore dell’anime


A) Anime tratto dal manga: Caso classico ed estremamente comune, dato che molti anime sono tratti da omonimi manga. Per questioni di forza maggiore (anche solo per rientrare nel minutaggio richiesto) vengono regolarmente fatte delle modifiche rispetto al testo originale che includono tagli e/o fillerche spesso alterano il senso della storia. Il vantaggio di una produzione di questo genere è il fatto che, rispetto all’originale in bianco e nero, vengano aggiunti il colore (anche se a volte stona con l’immagine che il lettore si era fatto dei personaggi - tipo Toji di Peach Girl moro non posso proprio vederlo) e il comparto audio ma, praticamente sempre, se ne perde in qualità generale. In certi casi, addirittura, la serie animata non copre l’intera produzione cartacea, lasciando lo spettatore con un finale sospeso, inventato o farlocco. In questi casi è sempre consigliabile cercare il manga originale che è più completo e molto spesso di qualità superiore.

Esempi: One Piece, Bleach, Eyeshield 21 e Naruto (pieni di filler e con un disegno di qualità inferiore rispetto al manga), Fruits Basket, Claymore e Ouran Host Club (conclusi in modo fantasioso e precoce), Shigurui (brutalmente stoppato per scarso successo alla fine di un serie di dodici episodi che copre solo i primi volumi del manga).



B) Anime tratto (poco) dal manga: Succede che un manga faccia un gran successo e si metta in cantiere la sua doverosa serie animata. Succede anche che il materiale a disposizione sia davvero poco, per cui gli sceneggiatori dell’anime si trovano, dopo pochissimi episodi, ad aver terminato le tavole dell’autore originale e comincino a procedere a braccio, trasformando una serie in qualcosa di completamente differente dal manga da cui è tratto. La domanda è sempre la stessa: perché? Ma puzzava così tanto aspettare un momentino, in modo che ci fossero abbastanza capitoli per coprire la serie nella sua interezza?

Esempi: Hellsing (la prima orrenda serie), Full Metal Alchemist (la prima terribile serie) e Kuroshitsuji (che dopo non più di cinque episodi prende la tangente e racconta una storia che non c'entra nulla con quella del manga).


2) L’anime è migliore del manga


A) Manga tratto dall’anime: Quando il manga è tratto dall’anime è sempre di qualità inferiore dell’opera originale, non c’è nulla da fare! Personalmente non sono ancora riuscita a trovare un manga tratto dall’anime che sia anche sono accomunabile all’originale. In generale è sempre consigliabile evitare allegramente queste produzioni e dirigersi senza timore di sbagliare verso l’anime. Tra l’altro, il discorso del colore e dell’audio fatto in precedenza, che nell'anime ci sono e nel manga mancano, ritorna come fattore di discredito per quest'ultimo (checché se ne possa dire sono parti di grande impatto, in una produzione).

Esempi: Code Geass, Lelouch of the Rebellion, Evangelion, Darker Than Black, Eureka Seven e Samurai Champloo.



B) Manga e Anime tratti da un videogioco o da una sound novel: Il consiglio migliore sarebbe sempre di rimanere più vicino possibile all’opera originale,  giocando quindi il gioco o ascoltando le sound novel (cosa che, però, può essere difficile per la lingua e per la disponibilità del prodotto). Se l’anime esiste, preferisco normalmente questo adattamento alla sua controparte cartacea, che difficilmente sarà un capolavoro assoluto. In generale cerco sempre di evitare i manga tratti da altri mezzi di comunicazione e preferisco leggere quelli che nascono in quanto tali (fanno eccezione quelli tratti dai romanzi, per cui la valutazione diventa più complessa - vedi dopo).

Esempi: Fate Stay Night, Fate/Zero, Unineko ni naku koro ni e Higurashi ni naku Koro ni.



C) Anime tratto dal manga: In alcuni rari casi la produzione animata si occupa di colmare alcuni grave lacune del cartaceo aggiungendo filler o sistemando parti di trama poco chiare o poco esaustive. In questo caso è bene cercare l’anime, visto che la lettura del manga può risultare deludente (anche se è l’originale - si sa, per ogni regola, anche per la migliore, c’è sempre qualche eccezione! Ed eccola qua, pronta e servita!).

Esempi: Rayearth, Sailor Moon, Lady Oscar, Mila e Shiro e Saint Seiya.



3) L’anime e il manga sono di analogo livello


A) Anime tratto dal manga: A volte capita che lo staff che realizza l’anime abbia la capacità, i soldi e la possibilità di realizzare dei piccoli capolavori (specie se hanno la possibilità di creare OAV o film d’animazione). In questi casi suggerisco di leggere il manga (sempre prima l’opera originale, che spesso ha comunque qualche parte in più) e poi di guardare anche l’anime, che se è ben fatto merita una visione e può comunque aggiungere ancora qualcosina all'opera (con l'animazione, il colore e l'audio)!

Esempi: Hellsing Ultimate e Kenshin Samurai Vagabondo.




B) Manga e Anime tratto da un romanzo (o una serie di romanzi): Ecco, qui diventa sempre difficile capire quale opera valga di più e occorre valutare caso per caso. A volte è meglio il manga, a volte è meglio l’anime, a volte sono di analogo livello. Altre ancora traspongono parti differenti della serie di romanzi, per cui andrebbero visti e letti entrambi. In pratica è un macello!

Esempi: Full Metal Panic e Trinity Blood.



4) E i live action tratti da anime e manga? [1]


Personalmente non sono una grande appassionata di dorama e affini. In certi casi possono essere molto divertenti (tipo Rookies e Detroit Metal City) ma preferisco sempre l’opera originale da cui la storia è tratta. Spesso nei dorama si spinge il pedale sul delirio o sul demenziale. L’unica volta che ho trovato il dorama più interessante del manga è stato con Hanayori Dango, ma in quel caso il manga è davvero esageratamente lungo e sbrodolato, mentre il live action punta di più al sodo e stralcia molte parti inutili e pallose!



Quindi, in definitiva, alla classica domanda:
Ma è meglio l’anime o il manga?
la risposta correttà è:
Dipende! È meglio l'opera originale!
Corollario: Ci sono le dovute eccezioni!


E tu? Cosa ne pensi? Preferisci gli anime o i manga? In base a quali criteri di scelta decidi quale opere visionare?


[1] Ovviamente non sto parlando dei dorama o i film creati a partire da una storia originale perché sono tutta un’altra faccenda.


author

SCRITTO DA: Acalia Fenders

Sono una blogger di Torino che si occupa di fumetti e animazione dal 2010. I mei interessi spaziano dai classici fumetti (di cui ha una considerevole collezione) ai telefilm, dai film ai cartoni animati (anime e non!). Amo il Giappone e ho una sconsiderata e inarrestabile passione per Batman.





66 commenti :

  1. Post molto interessante ;)
    Come saprai di anime recenti sono davvero indietrissimo, forse ne ho visti troppi da bambina e ragazzina xD
    Posso dirti però che la maggior parte delle volte (di quelli che ho visto io, intendo) sono nettamente migliori gli episodi anime rispetto al manga. In particolar modo proprio quelli che hai citato tu: "Sailor Moon", "Rayearth" e io aggiungo pure "I cavalieri dello zodiaco" e "Mila&Shiro".

    Per ora di manga migliori dell'anime mi viene in mente solo "Saint Tail" ma non fa neanche tanto testo poichè la versione Merdaset era martoriata...dovrei visionare la versione uscita per Yamato Video^^ (che ovviamente guarderei con i sub ita).

    Per quanto riguarda "Lady Oscar" dovrei rileggermi il manga. So che molti si sono lamentati...Io ho rivisto la serie anime di recente e mi è piaciuta tantissimo. Il manga però devo proprio rileggerlo.

    Poi ci sono tantissimi altri esempi, tipo ad esempio quelle serie tratte da favole o romanzi per ragazzi di cui io ero una fan sfegatata, che non hanno la loro controparte manga. Tipo "Belle & Sebastien", "Una classe di monelli Per Joe", "Mary e il giardino dei misteri" e via discorrendo ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille :D È una domanda che mi viene posta spesso, per cui ho pensato che fosse interessante approfondire l'argomento ^^

      Giusto! Mi sono scordata di Mila e Shiro: sono rimasta così delusa per quel manga che per un sacco ho evitato in blocco i manga spokon! (Adesso lo aggiungo :D)

      Di anime ne ho visti parecchi e, nel caso si tratti di opere tratte da manga, posso dirti che quelli sono casi rari, molto più spesso accade il contrario ^^

      Di Lady Oscar ho visto l'anime e l'ho adorato, poi ho dato una lettura alle scan e devo dire che il disegno mi ha colpita non troppo positivamente.

      In questo caso si tratta di opere originali o tratte da romanzi, per cui ben venga l'anime :D

      Elimina
  2. Vero vero.. nella maggior parte dei casi è meglio l'opera originale anche se devo ammettere che non ho mai letto romanzi da cui è tratto un anime o un manga.. coff! coff!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io spesso ho delle difficoltà a reperire i romanzi, specie se sono delle serie pubblicate in Giappone che qui da noi non sono arrivate. In quel caso spesso mi oriento prima comunque sul manga ^^

      Elimina
  3. cito solo la clamorosa eccezione di Yu degli spettri, dove l'anime taglia sul materiele originale piuttosto che aggiungere filler (almeno nella parte iniziale).
    Per il resto ottimo articolo!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lui non l'ho visto, ma ci sono un sacco di anime che, purtroppo, si fermano dopo la prima parte del manga, tagliando clamorosamente sul materiale pubblicato. Comunque, effettivamente, è un caso raro che i tagli avvengano nella prima parte!
      Grazie mille!

      Elimina
  4. sono d'accordo con la tua analisi, il meglio rimane l'opera originale. ma... Lady Oscar?? personalmente, per quanto l'anime mi sia piaciuto molto, considero il manga molto superiore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie ^^ Premetto che il manga di Lady Oscar non l'ho letto tutto, ma quello che più mi conturbava era il disegno, che sacrificava molti sfondi e spesso offriva espressioni troppo deformed ^^

      Elimina
  5. Interessante questo post, in linea di massima concordo su tutto!
    Di Sailor Moon ho effettivamente sempre preferito l'anime, mentre per Saint Tail sono combattuta: l'anime enfatizza le emozioni e dà vita alle scene di azione che nel manga sono solo "abbozzate", inoltre dà modo ad Asuka Jr. e Meimi di interagire di più nei filler, però nel manga è proprio l'assenza dei filler a far capire meglio come cambiano i sentimenti di Asuka Jr. nella seconda parte della storia.
    Nel caso di Hime-chan no Ribbon e tanti altri (Tsubasa Reservoir Chronicle su tutti: se ci ripenso...lasciamo perdere, si salvano solo gli OAD), invece, non ho dubbi: meglio l'opera originale! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie :D
      Di Saint Tail ho letto solo il manga (per ora, almeno) e devo dire che l'ho trovato un'opera abbastanza completa da non necessitare di ulteriori inserti per completare la trama!

      Hime-chan lo sto aspettando e non parlarmi di Tsubasa RESERVoir CHRoNiCLE anime, ho avuto la pessima idea di guardarlo e ancora adesso mi sanguinano gli occhi al pensiero (invece il manga mi è piaciuto molto! E anche gli OAD, anche se manca qualcosina e, soprattutto, non hanno fatto la parte di Infinitty!) ^^

      Elimina
    2. Quanto avrei voluto vedere la parte di Infinity animata...magari con la stessa qualità degli OAD... E' stato proprio un gran peccato!

      Elimina
    3. Non me ne parlare, non vedevo l'ora di rivedere Eagle e Lantis animati e invece nulla ç__ç
      È stata una vera cattiveria!

      Elimina
  6. Preferisco guardare anime "original new" come Code Geass, Madoka Magica, Psycho Pass ecc... Quelli tratti da manga di solito li evito, soprattutto se sono i soliti shonen tipo One Piece, Naruto ecc... Vabbè che in quei casi evito pure le rispettive opere originali ;-P
    Ovviamente ci sono le eccezioni anche per me, tipo che in questo periodo sto guardando l'anime di Sei in Arresto! e lo sto trovando molto più dettagliato rispetto al manga, ma credo che con tre serie TV di cui soltanto la prima di 51 episodi contro una decina scarsa di volumetti in totale mi sembra il minimo!
    Tuttavia, tirando le somme, preferisco proprio guardare gli anime, anche perchè i manga che mi interessano non li pubblicano quasi mai qui da noi, e le scan alla lunga mi rompono le bolas.
    Un discorso a parte andrebbe fatto per gli anime tratti da light novel. A me per esempio l'anime di Haruhi Suzumiya è piaciutissimo, ma forse perchè l'ho visto prima di leggere un solo rigo della LN da cui è tratto, boh. L'imprinting è una brutta bestia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Personalmente guardo anime e leggo manga in modo abbastanza omogeneo e, visto che tanto non posso leggere e/o vedere tutto, cerco di fare delle scelte logiche.
      Gli shonen a lunga percorrenza mi piacciono abbastanza (credo si sia notato ;-P) ma opto sempre per le versioni cartacee ^^

      Con le scan ho dei problemi anche io. Confesso di aver letto Dragon Ball in questo modo ed è stato un po' drammatico, sia per la scomodità della lettura a schermo, sia per la lunghezza dell'opera (motivo per cui, sapendo che non avrei fatto follie, non l'ho comprato, visto che non so più dove metterli i manga!)

      Quando ho segnalato anime tratti da romanzi, intendendo anche quelli tratti da light novel, visto che queste ultime sono un sottotipo dei romanzi :D

      Elimina
    2. Comunque, magari questa sarà la prima volta in vita mia che riesco a terminare un manga leggendolo soltanto su schermo. Trattasi di Initial D, dove ci sono tanti baldi giovini che si dilettano in simpatiche - e soprattutto salutari - corse clandestine automobilistiche a rotta di collo per gli strettissimi passi montani del Giappone.
      Sono ben 43 tankobon e ho già superato la metà. Il bello è che sto seguendo pure le varie serie anime successive, e miracolo! mi stanno piacendo, nonostante siano comunque trasposizioni.
      Però manco questo l'hanno portato da noi, uff... Per tirarmi su di morale lo recensirai, vero? *__*

      Elimina
    3. Interessante, magari potrei dare un'occhiata all'anime. Il tema non è uno dei miei preferitissimi ma potrebbe essere interessante (una volta,, per esempio, dicevo che non volevo saperne dei manga sportivi per principi ma poi ci ho dato un taglio con i pregiudizi a monte) ^^
      Se lo guarderò, sicuramente ne parlerò :D

      Elimina
  7. più che d'accordo con te! Dipende sempre da come sono realizzati e soprattutto dalla genesi dell'opera... per esempio non vado pazza per i manga tratti dagli anime, come nel caso di Code Geass!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I manga tratti dagli anime sono delle storture del sistema, non c'è nulla da fare. Ci sono casi in cui sono più decenti e dei casi (come quello di Code Geass) che sono proprio improponibili XD

      Elimina
  8. Anche secondo me bisognerebbe sempre risalire all'opera originale, se non altro per avere una base di valutazione e capire cosa l'autore voleva realmente esprimere, poi non mi dispiacciono neppure le rivisitazioni, ma devono comunque avere una solida conoscenza dell'originale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti. Comunque la cosa più importante è l'idea che l'autore aveva in mente quando ha generato la prima opera. Solo in rari casi i prodotti derivati risultano migliori :D

      Elimina
  9. Anche io sono sostanzialmente d'accordo con te.
    Anzi, finalmente qualcuno mi dà ragione e afferma che Saint Seiya anime è meglio del manga, sostenere il contrario in questo caso significa avere proprio il paraocchi! :D

    In generale io preferisco leggere i manga anzichè seguire le controparti animate, un po' per comodità e un po' perché mi sono fatta l'idea che, per opere particolarmente lunghe (es Naruto) i filler facciano perdere il filo. Questo ovviamente se l'opera in questione ha da sè ottime basi per stare in piedi come Naruto.
    In Card Captor Sakura io li trovo ottimi, complicano un po' la vita alla protagonista che nel manga sembra stia facendo una scampagnata, da quanto è tutto assurdamente facile catturare le carte.

    Per curiosità, posso citarti un caso di clamoroso pareggio? Parlo di Ken il Guerriero (che non so se conosci). Il manga è oggettivamente disegnato meglio, sotto tutti i punti di vista, ma ha la grossa pecca di liquidare il primo storico avversario in un misero tankobon e due capitoli, quando invece nell'anime ci si impiegano 22 episodi e noi spettatori siamo lì con l'hype alle stelle per scoprire chi sia questa fantomatica Julia e quanto sia terribile l'avversario di Ken.
    Dopo il primo scoglio l'anime procede abbastanza fedelmente, con qualche filler, enormi problemi tricotici e giacchetti autoriparanti.
    Il vero problema è la seconda serie, il manga inizia a riempirsi di vaccate indegne persino di Kurumada sensei, fino a un finale sbrodolato e assolutamente WTF che per fortuna l'anime ci risparmia perché saggiamente si tronca sul più bello.

    Alla fine della fiera: meglio Ken il Guerriero anime o manga?
    Personalmente, io le trovo due opere complementari. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il grosso problema di Saint Seiya manga è che Kurumada, detto con tutto l'affetto del mondo, proprio non è capace a disegnare, quindi l'anime, con un buon character design e il disegno di gente capace, passa davanti al cartaceo originale di una buona lunghezza. Non c'è nulla da fare!

      Sulle opere shōnen giocano moltissimo sui filler, in modo da poter rendere interminabile delle serie che già di loro sono eterne! Escludendo il caso di Saint Seiya visto sopra, direi che negli altri casi è generalmente meglio il manga :D
      Verissimo anche su Card Captor Sakura, andrebbero i visti i filler di quella serie anche solo per il personaggio di Meiling, che mette un minimo di difficoltà alla coppia Sakura-Shaoran, che nel manga ha davvero tutto troppo facile!

      Ken il guerriero mi manca completamente ma questo tuo commento mi ha fatto venire una gran voglia di recuperarlo :D

      Elimina
  10. anche io in genere preferisco cercare la versione originale, così come per il duo film-romanzo ^^ la cosa più soddisfacente è beccare un anime che è piaciuto e poi scoprire che il manga è ancora meglio, come è successo a me con Kuroshitsuji XD certo, poi ho decisamente svalutato tutta la seconda parte della serie :/ ecco...se proprio c'è una cosa che non amo, forse anche peggio dei filler, è quando realizzano l'anime avendo poco materiale e devono inventarsi tutto di sana pianta, il più delle volte facendo un macello >.>

    Riguardo Kenshin devo dire di non aver amato molto la serie degli OAV/film con il futuro di Kenshin e con quelle parti, quindi, aggiunte dagli animatori. Li ho trovati di una lentezza snervante. Come se per passare da shonen a seinen (palese intenzione degli autori dell'anime) bastasse far sembrare tutti ancora più depressi ._. gli oav sulla storia originale li ho apprezzati di più (scusa la vaghezza ma al momento non ricordo i nomi delle due serie >.<).

    Nella prima categoria inserirei a colpo sicurissimo anche Angel Sanctuary XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me è successo con Eyeshiedl 21. Ho adorato l'anime e, quando ho poi letto il manga, l'ho adorato una seconda volta! Certo, anche nel mio caso la versione animata ha subito una tragica svalutazione (non c'è nulla da fare, visto l'originale il prodotto derivato ne ha perso) ma così mi sono goduta la serie due volte :D
      Verissimo sui finali campati in aria. I filler, nella migliore delle ipotesi, si possono piantare a piè pari, mentre, se la serie prende una direzione tutta sua, non c'è nulla da fare >__<

      Mi ero scordata di quegli OAV di Kenshin chiamati Capitolo del Tempo (che non ho amato molto neanche io e che sono anche parecchio strappalacrime. L'unico punto a favore di uno dei due è che presenta in qualche modo il personaggio di Enishi, che nell'anime è assente, ma vedere Kenshin ridotto a quel modo è una vera e propria cattiveria!) XD Io mi riferivo alla serie animata e agli OAV sul passato, quelli sono veramente realizzati in modo favoloso :D

      Angel Sanctuary, poverino, solo tre OAV marci, che trattamento indegno ç__ç

      Elimina
    2. Io sono partita dal manga e quando ho provato a vedere l'anime sono rimasta molto delusa ç__ç lo stile dei disegni e dei colori non mi piaceva per niente. Un vero peccato!
      Però a me è successa la stessa cosa con Saiyuki. Ai tempi ho adorato l'anime, ma dopo aver recuperato il manga...non c'è confronto xD

      Ah ecco! ^^ Sì la serie e gli OAV sul flashback sono realizzati nettamente meglio (anche se la serie non l'ho vista tutta, solo le parti più salienti XD). Se non sbaglio adesso stanno realizzando altri OAV sulla saga di Kyoto, quindi con Shishio. Li avevo cominciati ma non mi dicevano nulla :/
      Nemmeno l'autore voleva vedere Kenshin ridotto in quel modo ç__ç

      Da Angel Sanctuary, con le giuste musiche e la giusta regia, poteva venire fuori un anime con i controfiocchi! Così come per molte serie della Yuki. Peccato che, a quanto pare, non siano interessati a trane degli anime.

      Elimina
    3. Immagino! Dopo aver letto il manga non sono più riuscita a farmi piacere l'anime (se non per la voce di Hiruma che è micidiale) XD
      Con Saiyuki mi è successa la stessa cosa. Ho visto l'anime e l'ho adorato e poi ho ri-adorato il manga, però adesso l'anime non riesco più a vederlo XD

      Di Kenshin l'anime l'ho visto tutto (compresi gli orrendi filler finali) perché cercavo il manga ma non trovavo una completa ad un prezzo decente, per cui, nell'attesa, mi sono data alla visione. Gli OAV su Shishio non li ho visti, devo dire che non mi attirano proprio (ma mi piacerebbe recuperare il live action) ^^

      Sulla Yuki mi sono sempre domandata quale fosse il problema, forse è un pelo troppo blasfema? Bho, non saprei, comunque delle serie anime tratte dalle sue opere sarebbero sicuramente di gran successo :D

      Elimina
    4. Il Sanzo dell'anime con la faccia a pera è proprio cesso, non posso farci nulla XD

      Io ho visto qualche pezzettino di questi OAV ma li ho trovati poco curati e superficiali. Il personaggio è uno dei miei preferiti, quindi ci tengo che venga curato come si deve :P

      Anche io avevo pensato al fatto del contenuto "religioso", ma alla fine hanno fatto molto di peggio. Poi di ""blasfemo"" c'è solo Angel Sanctuary, altre serie come Ludwig o GodChild sarebbero innocue. Forse dopo quell'abominio degli OAV di Angel Sanctuary lei stessa ha preferito evitare? XD Ma mi pare difficile, dati gli introiti e la fama che portano una trasposizione anime (seppur zoppicante) di un manga....

      Elimina
    5. Povero Sanzo, lui che è tanto carino XD

      Di Kenshin ho preso il nuovo volume (volume 1 di uno speciale mini in due tomi) ma non ho ancora avuto il coraggio di leggerlo, temendo una grande delusione.

      Questo è anche vero. Sicuramente un motivo commerciale (o di non sicura commercialbilità) c'è, ed è un vero peccato perché meriterebbero tantissimo una buona trasposizione anime!

      Elimina
  11. Di solito se c'è una serie che mi interessa, prima controllo se la versione cartacea è disponibile, altrimenti guardo prima l'anime, indipendentemente se questo sia uscito prima o dopo(lo so, brutto vizio). Il fatto è che, se le opere originali sono molto lunghe e non sono ancora disponibili in fumetteria, sono costretta a leggerle in internet e proprio non ci riesco, leggendo al computer mi distraggo. Senza contare che, di solito, arrivati al momento focale l'immagine non si carica, la connessione salta, oppure l'antivirus decide che è quello il momento per chiudere la pagina.
    Se invece ho la versione cartacea in mano, a leggerla non ci metto niente, quindi preferisco aspettare il tempo dovuto per l'uscita dei vari volumi, piuttosto che gettare il mio PC dalla finestra in un impeto di rabbia.
    Questo a meno che il manga in questione non sia disponibile in versione cartacea, come Pokèmon Adventures, in quel caso, bhè amen, mi armo di santa pazienza e prego che il PC non mi faccia brutti scherzi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ognuno ha il suo "metodo" d'azione :D
      Quando c'è una serie che mi ispira, per prima cosa, cerco informazioni e vedo di scoprire se è uscito prima l'anime o il manga. Poi, se scopro che il manga è l'originale, valuto se il manga è licenziato in Italia e se mi ispira così tanto da buttarmi alla cieca in un acquisto. In ogni caso spesso mi capita di dare un'occhiata agli anime per valutare bene (non mi piace proprio leggere le scan) e, nel caso fosse l'anime l'opera originale, mi guardo bene dal cercare anche il manga ;-P

      Credo che molti amanti di anime e manga siano a pregare che il computer non faccia brutti scherzi nei momenti peggiori :D

      Elimina
  12. In effetti, nella stragrande maggioranza dei casi è l'opera originale a vincere sui suoi derivati.
    In particolare, anch'io non ho mai trovato un manga tratto da un anime che sia per lo meno sullo stesso piano dell'opera originale, mentre talvolta, come nei già citati Sailor Moon o Saint Seiya, l'anime è migliore del manga e forse (ma ammetto di non aver controllato) un ruolo viene giocato anche dal "quando" uno viene realizzato rispetto all'altro. Mi spiego meglio: se al momento della realizzazione dell'anime si ha un quadro piuttosto chiaro e abbastanza completo di dove andrà a parare il manga, è più facile cercare di "correggere" in un certo qual modo gli aspetti che magari hanno lasciato meno entusiasta il pubblico, rendendo il prodotto più appetibile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giustissimo, sto ancora aspettando anche io un manga tratto da anime che sia almeno paragonabile all'originale, tutti quelli che ho provato (poi ho smesso) si sono rivelati delle schifezze assurde! (L'unico che si salva un pochino è Evangelion ma è comunque palesemente inferiore all'anime).

      Giustissima e corretta osservazione, quella sul "quando"! Concordo al 100%, l'anime derivato da manga ha la possibilità di fare quei piccoli aggiustamenti che rendono più bella l'opera (o coprono plot hole o inconsistenze) :D

      Elimina
  13. Questa è una di quelle domande esistenziali del tipo "chi siamo?" e "da dove veniamo?", ma vedo che hai dato una risposta piuttosto esauriente! XD
    Io di media preferisco gli anime, per via sia dei colori che delle colonne sonore (che sono parecchio curate). Diciamo che nell'insieme li trovo molto più scorrevoli e riesco a seguirli meglio anche quando sono stanca o sto facendo altro (es: io di solito li guardo mentre mangio, cosa che non potrei fare con un manga!). E' altrettanto vero, però, che spesso e volentieri le storie divergono all'inverosimile o, comunque, il manga è in grado di dare più spessore alla trama e ai personaggi (come esempio potrei portare Konomo No Omocha, da cui è tratto il cartone a noi noto come Rossana, ma che già dopo due volumi acquisisce un valore maggiore della versione animata).
    Io, nel dubbio, di solito guardo l'anime e, se mi è piaciuto o, a naso, percepisco che il manga potrebbe essere più esplicativo, allora mi dedico anche alla versione cartacea.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. *volevo dire KODOMO NO OMOCHA, perdona l'errore... -.-'

      Elimina
    2. Grazie! Questo è una domanda base, non sai quante volte mi sono sentita chiedere "ma è meglio l'anime o il manga?", per cui mi è sembrato giusto sviscerare un po' l'argomento :D
      Ovviamente poi ognuno ha le proprie strategie (e dai commenti a questo post vedo che davvero ognuno ha un approccio diverso al problema)! Io leggo e guardo in modo più o meno equivalente, per cui finisco per scegliere i manga originali da leggere e gli anime originali da vedere, ma devo anche dire che sono una lettrice molto rapida e soprattutto onnivora :D
      Comunque trovo che la strategia di buttare un'occhio all'anime e poi piuttosto passare al manga, se questo offre qualcosa in più è ottima :D

      PS: Non ti preoccupare per un piccolo refuso ^^

      Elimina
  14. Sono d'accordo anch'io, dipende. In alcuni casi l'anime è estremamente curato e addirittura non sento la curiosità di leggere il manga da cui è tratto (temendo di rimanere deluso). Altre volte, beh, la serie non proprio recente (ho i miei anni, ahimè) intitolata in Italia "Mademoiselle Anne" era carina a modo suo, però l'episodio finale si vedeva chiaramente che aveva qualche cosa di forzato, di eccessivamente sintetizzante. Per capirci qualcosa bisogna per forza leggere il manga.
    Purtroppo l'audience e/o tiratura sono implacabili, e se interrompono a metà serial milionari holliwoodiani causa scarsi ascolti, non c'è da stupirsi se fanno altrettanto i produttori di anime e manga.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mademoiselle Anne (il manga è Una ragazza alla moda) è uno di quegli sfortunati anime che hanno subito una sforbiciata pazzesca ai contenuti. Come dici giustamente tu l'audience e la tiratura sono assolutamente implacabili, specialmente in un paese come il Giappone che ha un'offerta pazzesca di titoli, per cui capisco anche certe scelte di regia (anche se non le approvo, specie se la serie mi piace ;-P).
      Poi succedono situazioni paradossali, come il caso di Kiss me Licia (Love me Knight), il cui anime fu un flop pazzesco in madrepatria che ne portò alla prematura chiusura della serie, mentre in Italia fu un successo tale da spingere la produzione di Mediaset a continuare la storia con un telefilm (quello con Cristina d'Avena) XD

      Elimina
  15. Come hai scritto tu, dipende da caso a caso, per esempio ultimamente ho visto il live action di battle royale, di cui esiste il romanzo e il manga e non saprei proprio da cosa partire XD
    Poi ci sono state volte che ho maledetto gli autori degli anime perchè non mettevano un finale e la mediaset/rai per le censure, tipo per karekano, che ho scoperto qualche mese fa come va a finire perchè come ultima puntata gli autori hanno fatto una specie di porcata in bianco e nero .-.; fruit basket sono rimasta ancora con il dubbio perchè mi devo recuperare (prima o poi) il manga; mi guardavo anche gals! ma so che l'anime è stato censurato quindi non so la storia come finisce realmente e come sia in verità.
    In pratica un casino immane, che certe volte penso sia dovuto al fattore "marketing", non sai come va a finire la storia? compra il manga e lo saprai -.-"
    Altre volte come hai detto tu stessa è meglio l'anime che il manga, altre anche il videogioco rispetto all'anime, ultimamente ho visto danganrompa, come finale faceva schifo perchè lasciava una marea di buchi e quindi mi ha lasciato con molti dubbi.....

    Concludendo, il mondo degli anime e manga è bello perchè è vario ed hai ampia scelta per i tuoi gusti, sia che tu voglia leggere o meno, magari informarsi prima non fa mai male, almeno eviti delusioni, però nel mio caso non sono di parte ma scelgo uno dei due in base a cosa ho voglia XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sul caso di Battle Royale ne avevamo discusso qualche tempo fa. Io avevo letto il manga e visto il film e un'altra blogger aveva fatto il confronto tra romanzo e il film.

      Qui c'è la mia recensione del manga: http://www.prevalentementeanimemanga.net/2011/07/battle-royale-un-crudele-gioco.html

      Qui il mio confronto manga vs film: http://www.prevalentementeanimemanga.net/2012/09/battle-royale-manga-vs-film.html

      Qui la recensione del libro da parte di automaticjoy: http://nihonexpress.blogspot.com/2012/06/battle-royale.html

      E qui il confronto libro vs film sempre di automaticjoy: http://nihonexpress.blogspot.com/2012/07/libro-vs-film-7-battle-royale.html

      Diciamo che il caso di Battle Royale è un caso davvero anomalo e difficile da dirimere. Probabilmente il pezzo migliore, alla fine, è il manga, anche se il romanzo è l'opera originale ^^

      Diciamo che più che delle censure italiane, nel post stavo proprio parlando delle sforbiciate originali nipponiche. Fruits Basket e Karekano, per esempio, sono due classici esempi di anime che non traspongono l'intero manga ma solo una piccola parte (ed è un peccato, visto che sono entrambi ottimi titoli!).
      Danganrompa, invece, lo vorrei vedere :D

      Esatto, alla fine ce n'è per tutti i gusti! Basta solo informarmi un minimo per evitare i pacchi stratosferici (e ci sono!) :D

      Elimina
  16. Non sono un grande patito di anime, e se ho la possibilità di scelta fra recuperare un anime o il manga, preferisco sempre il manga (a meno che il manga non sia nato DOPO l'anime, in tal caso lo evito come la peste). L'unica eccezione è stata con l'anime di Honey & Clover: l'ho visto prima di leggere il manga, e mi è piaciuto moltissimo. E dopo aver letto il manga non ho cambiato idea, anzi: mi sono reso conto che è davvero una trasposizione fedele e curatissima (quindi rientra a pieno nella categoria 3A).
    E insomma, guardate/leggete Honey & Clover! ahahahahah XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avevo notato che non sei un grande fan dell'animazione ma fai benissimo ad evitare i manga trasposti dagli anime, ancora non sono riuscita a trovarne uno decente (ma spero sempre di essere smentita) XD
      Honey & Clover mi stai facendo venire voglia di riprovarlo. L'avevo iniziato tempo fa ma lo abbandonai. Magari questa volta andrà meglio :D

      Elimina
  17. Io ho sempre guardato prima l'Anime e poi il Manga. L'unica eccezione l'ho fatto per Ranma 1/2: prima ho letto il Manga e poi guardato l'Anime. Anche se l'Anime l'ho apprezzato molto ho sempre preferito il Manga. Quindi personalmente opto sempre sull'opera originale! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'opera originale ha quasi sempre quel qualcosina in più che nel percorso di trasposizione rischia di essere persa. Diciamo che guardando prima gli anime derivati e poi leggendo i manga, si può sempre trovare qualcosa in più nell'originale (ovviamente sconsiglio sempre vivamente i manga tratti dagli anime, quelli sono terribili praticamente sempre) ^^

      Elimina
  18. Io posso fare pochissimi confronti, perché ho visto pochi anime tratte dai manga, e ho letto ancora meno manga tratti da anime.
    Di questi ultimi forse solo Tiger e Bunny, di cui ho visto i primi episodi dell'anime e li ho trovati carinissimi, mentre ho trovato il manga repellente (scusate).
    Per il resto, posso parlare - e poco - solo di "classici", quindi Lady Oscar, Maison Ikkoku, Ken, Sailor Moon, Orange Road e poca altra roba.
    A parte Sailor Moon, per la quale mi pare che concordiamo in molte/i nel definire una ciofeca immonda il manga e un sublime capolavoro l'anime (*gli escono cuoriciotti dagli occhi*), gli altri secondo me quasi pareggiano... Maison Ikkoku è un manga stupendo e, in assoluto, il mio anime preferito; di Lady Oscar ho apprezzato sia l'anime che, qualche anno dopo, il manga (seppure propendo per preferire l'anime).
    Ora come ora sto seguendo il manga di Sakamichi no Apollon che mi piace tantissimo, così come mi è molto piaciuto l'anime...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tiger e Bunny è un classico esempio di manga tratto da anime che sarebbe molto meglio lasciare sui ripiani della fumetteria. Io feci il tragico errore di prendere il primo volume di Code Geass ma lo riportai subito al fumettarolo, era davvero illeggibile (mentre l'anime da cui è tratto è una figata) >__<

      Su Sailor Moon siamo tutti d'accordo, su Maison Ikkoku non posso dire nulla (se non che un certo fumettarolo ancora non mi ha procurato gli ultimi volumi, sig) e su Lady Oscar posso dire che l'anime è davvero bello e che non ho praticamente neanche sentito l'esigenza di recuperare il manga (che ho sfogliato ma mi è sembrato meno figo dell'anime) ^^
      Di Sakamichi ho visto solo l'anime e l'ho trovato bello ^^

      Elimina
  19. Non c'è l'opzione "Meglio la Fanfiction scritta da una 12enne senza capacità grammaticali"? ;P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehm no, quella no. Meglio che non ci sia proprio XD

      Elimina
  20. Al punto "B) Anime tratto (poco) dal manga: " hai mancato anche Shaman King che ha subito questa sfortunata disgrazia XD

    Comunque quoto ogni singola parola =P
    Io ho fatto l'errore di prendere i manga di Code Geass, più che altro mi piacevano i disegni xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusto! Non l'ho messo perché non ho visto tutta la serie episodio per episodio ^^

      Del manga di Code Geass presi anche il primo episodio ma prima della sera del giorno dopo l'avevo già riportato per direttissima al fumettarolo (e fu l'ultima volta che aprii un manga tratto da un anime) XD

      Elimina
  21. Complimenti per il post, molto esaustivo ed interessante.

    Quando ho letto "l vantaggio di una produzione di questo genere è il fatto che, rispetto all’originale in bianco e nero, vengano aggiunti il colore (anche se a volte stona con l’immagine che il lettore si era fatto dei personaggi - tipo Toji di Peach Girl moro non posso proprio vederlo)" non ho potuto non pensare a Hime-chan no ribbon: nel manga Daichi è biondo, nell'anime è moro. Perché questo cambio? Semplice, è stata la stessa autrice a chiederlo perché originariamente avrebbe voluto che Daichi fosse moro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille :D

      Capisco che certe richieste arrivino proprio dall'autore ma mi colgono sempre un attimo impreparata! Se mi sono affezionata ad un personaggio biondo mi piace rivederlo in azione biondo ;-P

      Elimina
  22. Ricordo che un tempo esisteva un blog molto ironico che si chiamava "Era meglio il libro".
    Commentava ironicamente molti film, alla fine del post c'era sempre la frse più qualunquista possibile:"Era meglio il libro."
    Non sono d'accordo con le persone che dicono "Anime= Morte del Manga": come al solito gli estremisti sono sempre esagerati!
    Personalmente io sono del parere: leggiamo e vediamo entrambe le opere, così possiamo avere un idea completa dell'opera totale.
    Penso che sia la soluzione giusta :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ponendo che vedere/leggere entrambe le opere sarebbe l'ottimo (tranne in alcuni casi, in cui una delle due è palesemente inferiore dell'altra e può essere addirittura fuorviante sulla qualità complessiva del titolo), spesso non è possibile per biechi motivi di tempo, spazio e denaro, per cui ci si trova a scegliere :D
      L'anime non è assolutamente la morte del manga, anzi, se proprio devo dire, mentre ci sono degli ottimi anime tratti da manga, ancora devo trovare un buon manga tratto da un anime originale XD

      Elimina
  23. Ignoravo l'esistenza di manga tratti dai videogiochi :O
    Personalmente ho letto due o tre manga quand'ero giovinotta, e ho visto due o tre anime sempre da giovinotta, poi ho scoperto il mondo dei drama e dei live-action e mi sono proprio innamorata. Dico solo una cosa: se il manga è un capolavoro, vi prego fate un live action, così anche persone come me, che non adorano molto manga/anime, possano gustarsi un prodotto nipponico nella veste che più gli piace.
    Ovviamente per chi come te, che di certe cose ne capisce davvero tanto, può giudicare il livello di un prodotto nelle sue diverse forme, ma per gli inesperti come me, mi piace molto il fatto che il giappone ci sia una forma diversa per un prodotto riuscito, l'importante è che non venga tradito il contenuto dell'opera :)
    Intanto, buon 2014 Acalia!! Ti auguro un anno pieno di manga e anime mozzafiato!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che in Giappone possano tirar fuori un manga di più o meno ogni cosa :D
      Giustissima osservazione! L'ideale sarebbe trovarsi in ogni forma espressiva (in modo da poter sempre scegliere al meglio) ma, in caso non sia possibile (caso molto comune, io per prima prediligo anime e manga ai dorama), che almeno ce ne sia un po' per tutti (pensa che in alcuni casi succede anche il contrario: ad esempio del mio amato Hana-Kimi hanno fatto il dorma ma non l'anime - ma mi sono rifatta leggendo il manga) :D

      Buon 2014 anche a te! Ti auguro un anno pieno di ottimi live action :D

      Elimina
  24. Beh, concordo in gran parte, specie quando uno ha una cultura ababstanza ampia da poter sviluppare un senso critico.
    Poi subentra il fatore "de gustibus". Io ADORO l'anime di Naruto, anche se odio i filler - tanti - e la storia va molto a rilento da quando ha "raggiunto" il manga. Però il manga di Naruto proprio non mi piace! Ho letto 7 volumi e poi ho desistito.

    Di contro adoro il manga di One Piece ma non mi piace l'anime!

    Per quanto riguarda i romanzi da cui poi vengono tratti anime o manga: uno su tutti THE INCRDIBLE TIDE di Alexander Key. Credo che il genio di Miyazaki abbia mille mila volte migliorato il romanzo realizzando "Conan Ragazzo del Futuro"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certamente il fattore "de gustibus" è fondamentale! Diciamo che questo post è una guida generale per gli indecisi del "che faccio? Anime o manga?" Per dire, anche io ho amato molto l'anime di Bleach (pur leggendone anche il manga) perché trovo che colore e suono dia qualcosa in più (anche se quasi tutti i filler sono una pena), anche se certe espressioni, certi particolari, tendano a perdersi (e poi c'è quello spezzone umoristico a fine episodio "Il libro illustrato degli shinigami" che adoro ^^

      Di One Piece leggo il manga con gioia ma l'anime mi fa dormire, troppo lungo e troppo lento ;-P

      Certo che poi ci sono un sacco di eccezioni e non può esistere una regola fissa super generale :D

      Elimina
  25. Un po' di tempo fa stavo cercando un articolo del genere in grado di soddisfare questa domanda in modo da spiegarmi anche il motivo della preferenza. Adesso l'ho trovato! Grazie mille e complimenti per il post! :D

    Un fatto che me lo fa preferire all'anime è che con il manga posso scegliere il tempo da dedicare ad un fatto, a un azione, ad un combattimento... posso decidere, quando qualcosa mi interessa qualcosa particolarmente di rimanere a guardarlo per 2 ore, posso rileggermi una frase per decine (e centinaia) di volte e poi il manga non da problemi che mi fanno interrompere la lettura (come invece succede con gli anime, quando si blocca il mio maledetto computer o problemi di segnale del televisore, queste cose succedono sempre sul più bello, non giusto! Questo però non centra molto; non è colpa degli anime, ma mi fa preferire comunque il manga ^^).
    Il colore e i rumori o le voci rendono più piacevole guardare un'opera, poi le animazioni rendono meglio l'idea di un'azione, a volte nel manga sembra quasi che l'immagine si blocchi; vista la stessa scena in una sequenza di immagini, invece tutto appare più chiaro e più diretto, ciò non è colpa dell'autore, lo so, se no ad un povero fumetto non basterebbero 5000 pagine e diventerebbe un anime in bianco e nero senza suoni! XD
    Al momento non mi è ancora successo di ricorrere a questo metodo, però sceglierei senza dubbio l'anime se con uno o più manga sono indietro e mi resta da recuperare mezza serie (proprio come adesso!) e non posso permettermi acquisti esagerati.

    Anche io preferisco puntare all'opera originale e nelle serie che seguo spesso è il manga.
    Di anime, oltretutto ora non ne seguo nessuno perchè non trovo titoli interessanti in giro! (guardando ciò che trasmettono in tv, e stavolta è colpa di qualcuno: mia e della mia pigrizia che non si decide per bene a cercare qualche buon titolo ^^. Credo che per questo problemino mi rivolgerò e te! ;-P)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille! Sono contenta di aver scritto un post utile :D

      Il dilemma tra anime e manga è sempre stato un grande classico e, ad un certo punto, mi sono resa conto che parecchia gente mi chiedeva se era meglio guardare l'anime o leggere il manga, di una determinata serie, per cui ho provato a fare un po' di chiarezza.

      In ogni caso io tendo a preferire il media originale anche sui tempi da dedicare ad una scena per rispettare il tempo che ha deciso di dedicare l'autore all'azione. Ecco, credo che la mia preferenza coatta per l'opera originale dipenda molto dal voler rispettare l'opera come l'aveva pensata il suo creatore :D
      Poi, non sempre questa è la soluzione migliore (al punto che ci sono serie derivate migliori dell'anime\manga originale) ma tendo comunque a cercare l'opera derivata dopo aver visto\letto quella originale :D

      Sui soldi non posso dire nulla, quando sono quelli l'impedimento, non c'è nulla da fare e il mezzo più economico vince a man bassa ;-P

      Di anime belli dell'ultimo anno non ne ho visti moltissimi ma posso segnalarti un sacco di titoli magari più datati che meritano tantissimo. Se cerchi qualcosa in questo blog puoi guardare nel menu in alto nel blog (sotto l'header) e passare il mouse su Argomenti. Si apre una tendina e clicca Anime. Così ti mostra solo i post relativi agli anime :D

      Elimina
    2. Grazie a te! :D I post che scrivi sono sempre utili e interessanti, è sempre un piacere leggerli!^^

      "Voler rispettare l'opera come l'aveva pensata il suo creatore", è affascinante scegliere da questo punto di vista e anche corretto verso chi ha creato una serie, mi informerò e proverò ad usare questo metodo anch'io! ^^

      Più che leggere/guardare un qualcosa di mal fatto o inferiore alla trasposizione anime o manga preferisco acquistare quella che vale di più.
      Poi, oltre al fattore economico (meno rilevante: se una serie è meglio come manga compro quello) penso sempre a finire una serie prima di iniziarne un'altra, ho sempre paura di farmi prendere dall'entusiasmo della serie "nuova" e così di dimenticarmi dell'altra, non riuscendo a finire nessuna delle due >_<, quindi preferisco leggere solo un'opera (cosa che fra tre settimane potrebbe cambiare improvvisamente, non credo che questa regola duri più di tanto, dato che potrei perdermi titoli interessanti e vendere la casa per recuperarli quando finirò di recuperare tutti gli arretrati di One Piece, anche se questo dubito che mai smetterà di interessarmi ^^)

      Dell'ultimo anno neanche io ho trovato anime interessanti, solo alcune repliche di anime più vecchi, visti un episodio si e quaranta no! XD
      Per questi problemi (ovvero: non trovo nulla di bello da leggere/guardare) faccio sempre affidamento al tuo blog, che riesce a soddisfare sempre queste richieste e tu sei la persona più adatta che conosco (non di persona però sulle seri da conigliare ti trovo sempre disponibile e affidabile ^^) su cui farmi aiutare su scelte come queste e perciò farò come mi hai consigliato! :D
      Grazie di tutto! ^^

      Elimina
    3. Grazie davvero :D Cerco solo di fare la mia parte nella blogsfera ^^

      A volte è difficile aspettare di finire una serie prima di iniziare la successiva per questione di tempistiche. Premettendo che spendo un sacco in fumetteria (se non si era capito XD) e quindi compro una marea di roba (*cof cof*), in ogni caso leggere una serie per volta vuol dire magari avere delle attese di mesi e mesi per un singolo volume (a meno, ovviamente, di non limitarsi alle serie concluse da prendere in blocco) e non leggere nulla nel frattempo. Non credo che faccia per me ;-P
      Ormai sono abituata a leggere le storie inframezzate e, anzi, a volte trovo molto piacevole rileggermi le serie da capo (se ho tempo) all'arrivo del nuovo volume :D

      Tra gli anime vecchi (e per vecchi intendo anni 80/90/00) ce ne sono davvero di splendidi, che non hanno minimamente sofferto del passare del tempo :D
      Spero davvero di esserti utile :D

      Elimina
  26. Su Saint Seiya non sono minimamente d'accordo (se non per la faccenda disegni). Il manga l'ho letto di recente, ed in più ha solo i disegni migliori, le musiche e i filler. Le parti aggiunte da tutti tanto osannate che in teoria migliorerebbero la storie e approfondirebbero le psicologie dei personaggi in realtà servono solo a rendere la storia più zuccherosa e melensa. Nell'anime i protagonisti stanno sempre a discutere di amicizia, sogni, valori e altre menate da latte alle ginocchia varie, oltre che a piangere manco fossero delle Beliebers qualsiani anche se uno di loro cade e si sbuccia un ginocchio (per farvi un esempio: Shun cade, si sbuccia il ginocchio, Ikki e Seiya lo aiutano ad alzarsi, Shun dice "Grazie! E' bello avere un fratello e degli amici come voi!" e tutti a frignare e a stringersi le mani e a mettersi le mani sulle spalle. Per non parlare di personaggi come il Maestro dei Ghiacci e Arles, che generano solo confusione nei rapporti tra i personaggi. Adoro l'anime, non fraintendetemi, e adoro i suoi filler (i miei personaggi creati ex novo per l'anime preferiti sono Mime e Fenrir), ma preferisco centomila volte i Cavalieri cartacei cinici, menefreghisti, freddi e calcolatori, che minacciano il suicidio piuttosto che aiutare Saori, vuoi per i maltrattamenti subiti nell'orfanotrofio, vuoi perchè nipote di un uomo che avrebbe dovuto comportarsi da padre e invece non l'ha fatto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo è il tuo parere personale, che è diverso dal mio :)
      In ogni caso Saint Seiya (il manga) è disegnato veramente con i piedi e su questo non ci piove. Quel che lamenti dei dialoghi è in gran parte da imputarsi all'adattamento italiano, in originale le battute erano molto più asciutte ^^

      Elimina
    2. Ma sul fattore disegni sono d'accordissimo anch'io, e l'ho anche specificato. Diciamo che SS è un buon manga a livello di storia, ma penalizzato da una resa grafica discutibile. Riguardo il doppiaggio diciamo sì e no: anche se il doppiaggio aggiunge molte modifiche, ci sono alcune scene aggiuntive dell'anime in cui avviene quello che ho descritto: una delle più rilevanti è quella della riconciliazione tra Ikki e gli altri quattro protagonisti dopo la sconfitta del Cavaliere di Fuoco.

      Elimina

Un commento è sempre molto gradito!

Se non ha voglia di loggarti, ricordati che con l'opzione Nome/Url puoi mettere un semplice nick di fantasia (la Url non è obbligatoria), così nelle risposte non verrai confuso con altri Anonimi.