lunedì 24 marzo 2014

38

I tre moschettieri (1993) - Leggere i romanzi prima di adattarli è passato di moda!

La locandina del film
I tre moschettieri (The Three Musketeers) è un brutto film del 1993, diretto da Stephen Herek su sceneggiatura di David Loughery per la Walt Disney Pictures. Nei panni di D’Artagnan si trova un ventitreenne Chris O’Donnell (che per questo ruolo, che interpreta decisamente da cani, si meritò anche una nomination per il prestigioso Razzie Awards for Worst Supporting Actor), in quelli di Athos Kiefer Sutherland, in quelli di Porthos Oliver Platt, in quelli di Aramis Charlie Sheen e in quelli rossi del Cardinale Richelieu un Tim Curry che era convinto di dover mettere in scena un maniaco sessuale!). Questa è la seconda recensione della serie “film brutti che mi piacevano ma che ora ho abiurato”, dopo quella di Pollicina. Per chi se li fosse persi, qui ci sono il post originale e la suddetta recensione di Pollicina! Attenzione, Spoiler!

Il malvagio Cardinale con Rochefort
Il film apre con una lunghissima, eterna e drammaticissima scena in cui il Cardinale Richelieu va a far visita ad un generico straccione, prigioniero in una delle celle dalla sua super sicurissima segreta (suppongo sia la Bastiglia ma non ci posso giurare, nessuno la nomina mai in quanto tale e poi vedremo tra poco come la geografia di Parigi sia una cosa molto relativa, qui), e lo fa uccidere senza motivo apparente, solo per mostrare al pubblico pagante quanto sia cattivo e malvagio
Il sorriso malvagio
(quindi, fatemi capire, il Primo Ministro di Francia si è scomodato per far uccidere al suo lacchè del cuore un povero pezzente che aveva osato rubare due monete per sfamare la sua famiglia? Oddio che cattivone, per renderlo più malvagio potevano solo fargli prendere a calci un cucciolo! Ma non aveva nulla di più rilevante da fare, tipo governare la Francia? Così, eh, solo per dire!). 
Il cicisbeo
Nel frattempo, in Guascogna, D'Artagnan si fa inseguire da un damerino vestito e truccato da cicisbeo e i suoi quattro bruti fratelli (qualcuno in quella famiglia è stato adottato, o il cicisbeo o i quattro armadi!) che vogliono vendicare l'onore della loro sorellina, onore impudentemente infangato dai pruriti adolescenziali del suddetto giovanotto. 
L'eroe delle corse campestri
a cavallo
La cosa va per le lunghe ma D'Artagnan li semina e se ne parte per Parigi, dove ha in programma di diventare moschettiere, come era stato suo padre prima di lui (strada facendo accoppa le guardie del Cardinale che scortavano Costanza e la Regina ma nessuno pensa che sia neanche il caso di rimproverarlo per questa bricconata, tanto è il protagonista!). 
Da oggi siete chiusi! Ahr, Ahr!
Sfiga nera vuole, però, che proprio quando riesce finalmente a metter piedi a Parigi, il malvagio Cardinale abbia fatto sciogliere il corpo dei Moschettieri in forza di un editto controfirmato da Sua Maestà il Re in persona. Il nostro giovanotto trova, quindi, un quartier generale distrutto e nessun moschettiere pronto ad accoglierlo a braccia aperte come si aspettava. 
Ok, dacci solo un minuto che
bruciamo le divise!
Dato che è infantile come un dodicenne, per ripicca, attacca briga con le prime persone che gli capitano a tiro, ovvero Athos (che si stava facendo i cavolacci suoi), Porthos (a cui rovescia il pranzo) e Aramis (che gli piove addosso chiedendogli gentilmente scusa senza successo), per cui rimedia i famosi tre duelli.

Plot twist! Athos è biondo
e Aramis moro!
Seguono un paio di scene di una inutilità abissale che vedono protagonisti il cicisbeo e i suoi fratelli che tornano alla carica rimediando altre figure barbine (hanno seguito D'Artagnan fino a Parigi! Perbacco, ci tengono un sacco a questa sorella, che è un personaggio così rilevante da non venir neanche mai mostrato nel film!) e i tre moschettieri che, per ammazzare il tempo prima del duello, sterminano un intero reggimento di guardie del Cardinale.

Sandokan, sei tu? No,è Porthos!
A mezz'ora dall'inizio del film arriva la prima e unica scena più o meno ispirata al romanzo originale: quella del duello. I quattro si trovano, scoprono che D'Artagnan è l'avversario di tutti e tre i moschettieri e arrivano (prima che possano affettarsi tra di loro) le guardie del Cardinale (pronte ad arrestare tutti). 
Uno per tutti e tutti per uno
Il buon guascone si unisce ai suoi nuovi amici per affrontare il nemico comune (cioè decide che sono amici suoi appena scopre che sono moschettieri - e lo scopre perché indossano astutamente le casacche blu anche se il corpo è stato sciolto e loro sono ricercati), i nostri eroi vincono e poi se ne tornano a farsi fare il culo a strisce da Monsieur de Tréville perdono e poi D'Artagnan viene arrestato mentre gli altri scappano come conigli. 
Forse erano troppi ...
Il giovane, portato nella misteriosa prigione che forse è la Bastiglia e forse no, non perde tempo: insulta il Cardinale (che, onestamente non ha idea di quale sia una tecnica di interrogatorio decente: questo fanciullo gli avrebbe rivelato anche il colore delle mutande della tipa che ha irretito all'inizio, con due frustate - ma forse anche un ceffone ben dato bastava) e, poco dopo, si fa fregare la pacchianissima spada di suo padre da Rochefort
Poppe!
Ovviamente riesce anche a fuggire dalla sua cella giusto in tempo per sentire il Cardinale Richelieu che rivela a Milady il suo piano per conquistare la Francia: in pratica lei diviene la latrice di un messaggio per il Duca di Buckingham (che tanto nel film non compare ma qui è cattivo) che sancisce un accordo per mettere definitivamente la Francia in mano a Sua Eminenza. 
Condotto al patibolo!
Conscio dell'importanza strategica delle informazioni che ha ricevuto, D'Artagnan fugge silenziosamente dalla prigione si fa catturare di nuovo come un pirla e un adirato Cardinale lo condanna a morte! Durante l'esecuzione, però, si fanno vivi sia il cicisbeo e i suoi fratelli (per sbeffeggiarlo e godersi lo spettacolo), sia i suoi compari che lo portano via a bordo della carrozza raganata al Cardinale in persona per puro sfregio. La folla si apre come il mar Rosso per farli passare per non meglio chiariti motivi. Nel mondo reale non avrebbero fatto un passo con quella carrozza!

Ancora in fuga
Seguono il duecentesimo inseguimento del film e una pessima scena umoristica Disney style in cui Porthos e Aramis spiegano a D'Artaganan come sedurre una locandiera (o una prostituta, in realtà non si capisce bene in ruolo di quelle donne), mentre Athos si deprime in un angolo. 
Vi conosco da meno di 24 ore
ma amo farvi i cavoli vostri!
Alla domanda di D'artagnan "Ma che ha Athos?" Aramis gli risponde "Cazzi suoi, ha la ciucca triste, lascialo in pace" e D'Artagnan, che è sveglio come un profilato in acciaio, gli va a parlare. Segue interminabile pippone in cui Athos racconta, senza alcun motivo, la storia della sua ex-moglie mentre D'Artagnan cerca di stordirsi con il vino con le gonadi raschiano in allegria il pavimento della locanda.

L'inutile babbione!
Il giorno dopo i nostri eroi vengono inseguiti da una masnada di armigeri (che però non li hanno presi nel sonno nella locanda, che carini!) e si dividono, con il risultato che D'Artagnan, rimasto solo e sfinito, sviene cavalcando. Milady, sopraggiunta sulla stessa strada (non si sa bene perché sia dietro di lui, visto che era partita prima!) se lo carica  in carrozza
Scemo e più scema
(in un momento di deficienza, suppongo: Milady sei una spia, hai un messaggio importante, ti cercano perché hai appena ammazzato il tuo ex-marito e ti carichi un ragazzo in carrozza? Ma sei scema? Se proprio volevi essere carina potevi dire al cocchiere di spostarlo dalla strada, invece che di passarci sopra con tutta la carrozza!) e lui, appena si riprende, (per ringraziarla del favore, suppongo) fa che raccontarle che sa della spia e che la sta cercando (in una gara di demenza non so chi la spunterebbe tra questi due!). Milady fa per ammazzarlo, ma poi si ricorda che è il protagonista e decide di portarselo dietro in Inghilterra.

Tho, chi si rivede!
Arrivati finalmente alla nave, si stanno per imbarcare, ma viene fuori che tutto l'equipaggio è morto, sterminato da Aramis e Porthos, che avevano raggiunto Calais ancora prima di Milady e D'Artagnan (e senza svenire per strada!) ed avevano avuto tutto il tempo di massacrare degli innocenti mariani e metterli in pose artistiche per farli sembrare vivi. 
Tho, chi si rivede, parte 2!
Milady fugge a piedi ma sopraggiunge anche Athos (che non si sa bene come sia sopravvissuto, visto che l'avevamo lasciato nel bosco, appiedato – il suo cavallo era morto -, con una pistola e un fucile ad avancarica e venti armigeri che cercavano di ridurlo ad un groviera) che, rullo di tamburo, la riconosce come la sua ex-moglie (visto che aveva raccontato quella storia e che quindi era ovvio che il personaggio sarebbe comparso, le cose erano due: o la moglie era Milady o era la Regina, visto che sono gli unici due personaggi femminili rilevanti del film!). 
E anche il boia non serve a nulla!
Con l'aiuto del fratello del defunto Conte di Winter (marito morto di fresco della donna) i nostri eroi conducono Milady davanti al boia per i reati commessi ma, poco prima di essere giustiziata, la donna confessa il suo rinnovato amore ad Athos, gli rivela che il malvagio Cardinale Richelieu vuole uccidere il Re il giorno del suo compleanno e si getta da una scogliera.

Vecchio porco
Nel frattempo, a Parigi, il Cardinale non se n'era stato con le mani nelle pieghe della tonaca e ne aveva approfittato per importunare sessualmente due volte la Regina (cosa che se Anna fossa stata un pelo più IC, a trovarselo fuori dalla vasca, l'avrebbe fatto perlomeno decapitare), per assoldare un cecchino (una cosa molto divertente, visto che con i fucili ad avancarica dell'epoca la precisione di sparo era un chimera e beccare qualcuno dal tetto del palazzo davanti un'utopia pura!) e per convincere il Re a partecipare alla stramaledetta festa di compleanno.
Un biglietto, tra l'altro, inglese ...
I nostri eroi tornano a Parigi giusto in tempo per fermare il cecchino e per rischiare di farsi impallinare dalle circa duecento guardie del Cardinale presenti ma, visto che sulla strada del ritorno avevano lasciato in giro dei biglietti  e i loro colleghi sono dotati del dono della preveggenza (che non è che c'era scritto "Ragazzi, ci ammazzano il re, ci si vede venerdì al Louvre! Portatevi armi e uniformi!" ma solo "Uno per tutti e tutti per uno" - il motto dei moschettieri), si presentano altrettanti moschettieri, che ingaggiano battaglia con le guardie.
Uno spiegone molto lungo,
che prevede anche un test del trono
Richelieu, indispettito, porta via a forza Re e Regina ma, prima di ammazzarli, si perde in un classico spiegone da cattivo, che dà tutto il tempo ai nostri di entrare e metterlo ancora in fuga. Seguono lunghi e inutili duelli (tra cui uno in cui Athos ci fa una figuraccia con Rochefort, quello della vendetta di D'Artagnan sul suddetto Rochefort [1] e quello in cui Aramis si fa impallinare dal Cardinale in persona - anche se il solito crocifisso nella blusa lo salva).
Il duello finale tra D'Artagnan e
Rochefort. Intorno cadaveri di
guardie del Cardinale [2] 
E un'altro inseguimento, che porta i nostri a raggiungere Richelieu nei sotterranei della prigione dell'inizio film, passando attraverso ad un passaggio all'interno del palazzo reale (il massimo della sicurezza, una paretina di legno a scomparsa a dividere Sua Maestà dai peggiori avanzi di galera! Seems legit!). I buoni vincono (perché Aramis, non si sa bene come, era già sulla barca che il cardinale aveva preparato per la fuga! Batman chi sei tu? Aramis ti prenderebbe a schiaffi, ha il dono del teletrasporto, lui!), Richelieu muore e il Re riapre il corpo dei moschettieri e rende D'Artagnan un effettivo.
In udienza da Sua Maestà
Dulcis in fundo, D'Artagnan e i suoi nuovi amici fanno passar la voglia al cicisbeo e ai suoi fratelli di preoccuparsi di chi finisce tra le lenzuola della loro sorellina! E la storia dei diamanti della Regina? E l'assassinio del Duca di Buckingam? E il fatto che, insomma, nel romanzo originale Richelieu non è che stia esattamente complottando contro la Francia, anzi, a ben vedere, sono proprio i moschettieri che si danno da fare per salvare le chiappe all'amante della Regina? E l'assalto della Rochelle? Ah, no, giusto, quello lo conoscono solo quelli che hanno letto il romanzo, nessuno lo traspone mai!

Ma chi hanno preso per fare il Re,
la controfigura di Bambi?
I personaggi messi in scena sono solo pallide caricature delle loro controparti originali. Richelieu diventa una specie di deficiente, maniaco sessuale (mette le mani addosso a tutti i personaggi femminili che incrocia!) e arrivista (e qualcuno mi deve spiegare come pensava di essere incoronato Re! Le monarchie erano ereditarie e Luigi XIII aveva fior fiore di parenti pronti a reclamare il trono di Francia!), il Re e la Regina due ragazzini sprovveduti che si fanno manipolare, Costance un pallida figura sullo sfondo e Rochefort una specie di mercenario stupido e gretto.
Costance e la Regina. Scopo di
queste due? Nessuno!
Ai moschettieri non è che vada meglio, visto che il boccoloso D'Artagnan è un sublime cretino che risolve ogni problema con un bell'inseguimento, Porthos è un baraccone vestito in modo osceno e Athos e Aramis sono così scialbi che non c'è nemmeno nulla da scriverci sopra!

Aramis, amore mio, riprenditi!
Dal punto di vista tecnico si può osservare come sia un film pieno di errori, anacronismi e mezzucci per far andare avanti la storia (tipo quando i nostri staccano i cavalli dalla carrozza del Cardinale e, nella scena dopo, questi sono bardati con selle e finimenti da monta e non da tiro!). I plot hole abbondano, i personaggi rilevanti smarriti o sprofondati nel nulla pure, le idiozie anche! Tra l'altro i combattimenti sono risibili e noiosi (e mal sceneggiati) ed è anche palese che le lunghe scene di inseguimento a cavallo non siano state girate dagli attori protagonisti ma dai loro stunt!
Athos e D'Artagnan nel bosco,
prima di dividersi
Per di più vorrei davvero sapere perché i costumi siano fatti così male (ma che indossa Athos per mezzo film, un sacco di iuta? E Porthos, perché è in cosplay da Sandokan?) e come mai le location siano così povere (pochi soldi?). Il doppiaggio italiano è abbastanza misero (povero Athos, sembra che il suo doppiatore abbia due acini d'uva nel naso, quando parla! "Bresto, andiabo a salbare il Re!" - e io come faccio a prenderlo sul serio!?) ma, devo ammettere, le battute alla Disney non mi sono dispiaciute, anzi, mi hanno strappato qualche raro sorriso!

È proprio cattivissimo!
In conclusione I tre moschettieri è un pessimo film, che unisce una storia raccapezzata alla bene e meglio a personaggi che agiscono quasi casualmente per far andare avanti la trama! D'Artagnan è un sublime pirla, i moschettieri tre deficienti, le autorità inesistenti e il Cardinale Richelieu un pazzo visionario! Chiunque cerchi in questa roba un'ombra del romanzo originale ne rimarrà deluso, visto che si sono limitati a copiare i nomi e a stravolgere ogni cosa! Tra l’altro, togliendo tutte le scene inutilmente lunghe di inseguimento e le parti dedicate all’odioso cicisbeo (ma so che non è colpa sua, l’hanno creato appositamente per essere odioso), il film verrebbe lungo mezz’ora, a fronte della sua effettiva ora e mezza di durata!

 
Il trailer del film. L'ho trovato solo in inglese
 

[1] In pratica il Cardinale aveva già fatto ammazzare il padre del Re (anche se, storicamente, Enrico IV fu assassinato da un fanatico religioso, visto che in quel periodo c'erano le guerre contro gli Ugonotti) e a Rochefort , all'epoca moschettiere, toccò il compito di far fuori D'Artagnan Senior, guardia personale del sovrano. Per il suo gesto fu sbattuto fuori dai moschettieri e divenne il capitano delle guardie del Cardinale. Il Rochefort del romanzo, nel frattempo, si rantola nella tomba!


[2] E dove diavolo sono finiti gli altri moschettieri, che ad inseguire Sua Eminenza ci sono sono andati in tre (i soliti Athos, Porthos e Aramis)? Erano in pausa caffè?


L'anime D'Artagnan e i Moschettieri del Re
Altri robe brutte che ho recensito!


author

SCRITTO DA: Acalia Fenders

Sono una blogger di Torino che si occupa di fumetti e animazione dal 2010. I mei interessi spaziano dai classici fumetti (di cui ha una considerevole collezione) ai telefilm, dai film ai cartoni animati (anime e non!). Amo il Giappone e ho una sconsiderata e inarrestabile passione per Batman.





38 commenti :

  1. Mi dispiace, ma qua non posso essere critico.
    Misi il cuore in questo film quando ero fanciullo.
    Forse è fatto talmente male che può piacere solo ad un ingenuo bambino :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Capisco il problema. Anche io da piccola lo adoravo, questo film, ma vedendolo adesso la mia fanciulla interiore è rimasta scioccata!
      Però devo dire che le battute alla Disney sono carine ^^

      Elimina
  2. Oh quanti ricordi questo film...mi era piaciuto un mondo^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me, un tempo! Suggerimento, non lo riguardare, il pericolo delusione è altissimo XD

      Elimina
    2. Eh immagino di si...L'avro' visto che facevo le scuole medie...xD

      Elimina
    3. Anche io l'avevo visto la prima volta più o meno in quel periodo XD

      Elimina
  3. Sicuramente l'ho visto ma ora nemmeno me lo ricordo.. lo avrò rimosso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo sia un meccanismo di autodifesa del cervello XD

      Elimina
  4. Azz... anche a me piaceva da bambino, non me lo ricordavo così XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da piccoli si soprassiede su un sacco di cose. Riguardando certi film da grandi la delusione è appostata dietro l'angolo XD

      Elimina
  5. Letto stanotte, e questo articolo è stato la mia divertente buonanotte.
    Mamma mia che zozzeria! Io l'ho visto una volta sola, ma ricordo bene che ne parlarono su Topolino nelle pagine dedicate alla uscite in vhs.
    Unica cosa: ma le scene dello strizzamento di sise sono passate normalmente, in casa Disney? Oo

    Comunque, ho una passione per i film brutti che hanno scene illogiche e buchi nella trama. L'ultimo che ho visto è Gangster Squad, un anno fa. Terribile.
    Un altro è Deja Vu.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie :D
      Io lo volli vedere a tutti i costi, I tre moschettieri è sempre stato un tema che ho adorato fin dalla più tenera età. All'epoca mi piacque anche XD
      In realtà il Cardinale Richelieu non riesce a mettere le mani sulle poppe di Milady, lei lo ferma puntandole un coltello alle parti basse XD

      Io, invece, ho un'avversione per questi film, per cui ora cerco anche di evitarli (ma a tratti mi perseguitano!) XD
      Quei due li ho persi ma me ne sono beccata tanti altri (piacciono alla mia Dolce Metà).

      Elimina
    2. Anche io li trovo terribili, sia chiaro. Sono snervanti. Però se proprio capita, allora mi diverto a massacrarli^^

      Moz-

      Elimina
    3. Ammetto di guardare/leggere anche io certe cose solo per la gioia della stroncatura :D

      Elimina
  6. Che incubo, la mia sorellina aveva preso il cd della colonna sonora e sentiva di seguito milioni di volte lo smielato "all for one, all for love"O_O
    Personalmente lo considero un apocrifo"Young Guns 3".Pellicole con poche botte e troppi languidi primi piani che per molti maschietti rozzi come me risultano ampiamente incomprensibili =_= Talk0

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah ah ah, le sorelle possono fare un sacco di danni con un cd o una musicassetta in mano (non dovrei parlare, visto che io ho propinato ai miei parenti "I tre piccoli porcellini" per tipo un anno di fila, da piccola) XD
      Qui uno dei problemi è che, oltre ad Aramis e Porthos che sono ampiamente slashabili, non c'è neanche della romance decente! Costanza compare in due scene marce e lo spettatore si chiede "ma che cavolo ci fa lì?" >__<

      Elimina
  7. Peccato che Yotobi abbia smesso di recensire, gli avrei consigliato tutta questa roba X°D Ma forse potrebbe parlarne in Mostarda.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devo dire che il Yotobi più cattivo di Mostarda mi piace molto. Le ultime recensioni erano state sottotono e poi non se ne poteva più di questo buonismo di fondo :D

      Elimina
    2. Ehehehehe beh sì, però anche se le altre erano buoniste, facevano comunque ridere XD Ultimamente ho riguardato la Croce dai sette cristalli o come cribbio si chiama ... ora toccherà ad Albakiara uahahaha

      Elimina
    3. Premetto che lo seguo da un sacco di anni e che mi sono vista tutte le sue recensioni, ma trovo che le ultime erano meno fresche delle altre. Secondo me ha fatto bene a trovare un formato adeguato al suo attuale modo d'essere :D

      Elimina
  8. Ahahaha!
    Bell'articolo anche questo!
    Non ho mai visto questo obbrobrio, ma mi pare di averne sentito parlare. Oltretutto la copertina è appesa nella copisteria della mia Università, Dio sa perché XD
    Mi spiace soprattutto che i combattimenti siano mal sceneggiati, avevo letto il libro secoli fa, e la cosa che mi era rimasta impressa è come fossero scritte bene le scene d'azione...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille :D
      Non so perché ma dagli anni novanta in poi tutte le trasposizioni del romanzo "I tre moschettieri" sono delle schifezze senza pari (salvo, però, La maschera di ferro con DiCaprio, che traspone "Il visconte di Bragelonne") ^^
      Io sono una fan di Dumas, personalmente trovo che scriva bene ogni cosa, ma i duelli sono proprio uno dei suoi punti forti. Qui diventano scadenti come il resto!

      Elimina
  9. Comunque Kiefer Sutherland resta sempre figo

    RispondiElimina
  10. Due cose:
    1) Ma Tim Curry deve sempre fare il cattivo in film squallidi ?
    2) Ne farai uno sulla Maschera di Zorro ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 1) Sarà che Tim Curry è bravissimo a fare la faccia da maniaco/malvagio, che lo scritturano sempre per questi ruoli (poi, quando uno finisce in un filone, staccarsi una nomea di dosso credo sia anche difficile) ^^
      2) Ci sto quasi pensando, ma prima Batman e Robin :D

      Elimina
  11. Ti sei data al masochismo? D:
    Comunque...ero convinta di ricordare questo film, ma invece credo di aver preso un grosso granchio. A me piaceva La maschera di ferro, non questo qui! Ho fatto non poca confusione, considerando che hanno pure due titoli diversi ^^"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse un po' XD
      La maschera di ferro è tutta un'altra parrocchia, ha una trama, dei personaggi ed è tragico al punto giusto. In questo manca solo paperino che salta fuori XD

      Elimina
    2. Quando si guarda fino in fondo un film mal riuscito come questo, deve per forza esserci del masochismo di fondo XD
      Mamma mia...per di più mi chiedo come mai in un film disney siano ammesse le palpatine ai davanzali! Forse vanno bene solo perchè è il cattivo a farle? Mboh!

      Elimina
    3. Comincio a sospettarlo anche io XD
      In realtà credo che ognuno di noi abbia una piccola (o grande) vena masochistica di fondo: io la mia la sfogo guardandomi queste cose XD

      Sulle palpatine: secondo me ci hai preso in pieno! Per rendere il Cardinale ancora più cattivo lo rendono un inammissibile maniaco sessuale represso XD

      Elimina
  12. Ma questo film non esiste solo per far pubblicità al brano "All for Love"? XD Comunque non lo ricordo nemmeno più e al pensiero di rivederlo un brivido mi risale la spina dorsale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per quello e per far rivoltare nella sua tomba al Panthéon Dumas XD
      Lascia perdere, rivederlo è tutto tempo perso!

      Elimina
  13. Mi hai fatto ridere un sacco :D
    Povero Richelieu!
    Però Athos sebbene biondo, ha un signor faccino.

    Dal titolo pensavo quasi che avessi iniziato a vedere la nuova serie britannica The Musketeers, che non c'entra niente con i libri, e però ha bei fighi, bei costumi e non è totalmente nonsense.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie :D
      Richelieu è il personaggio che è stato maggiormente maltrattato. Da cattivo di tutto rispetto è diventato un povero mentecatto con la mania delle tette!
      Quella non l'ho vista. Un po' mi inquieta XD

      Elimina
  14. Giuro di essere stata giovine anche io, ma non ho visto neanche questo film!!
    Ovviamente (-.-') non ho letto il romanzo, quindi ho una idea veramente vaga di D'Artagnan & co. ma devo dire che da come ne parli questo film mi sembra tipo una sit-com dove si sentono le risate del pubblico ad ogni scena xo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A questo punto non posso che suggerirti di lasciar perdere questo pallido adattamento, in cui si salvano davvero solo le battutine nei posti giusti, e di provare il romanzo originale. Dumas è uno dei miei scrittori preferiti di sempre!

      Elimina
  15. E pensa che mio papà a volte lo riguarda.... credo di aver capito da chi ho preso il gusto per il nonsense XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'importante è essere consci di quello che si sta guardando, non c'è nulla di male a riguardasi anche film leggerini :D

      Elimina

Un commento è sempre molto gradito!

Se non ha voglia di loggarti, ricordati che con l'opzione Nome/Url puoi mettere un semplice nick di fantasia (la Url non è obbligatoria), così nelle risposte non verrai confuso con altri Anonimi.