martedì 24 marzo 2015

40

Cenerentola - Quando non sai cosa fare: sii gentile e coraggiosa!

La locandina del film con la protagonista
Cenerentola (Cinderella) è un film del 2015 diretto da Kenneth Branagh ed è prodotto e distribuito dalla Walt Disney Pictures. Nato come adattamento della celebra fiaba Cenerentola di Charles Perraut è anche un remake dell'omonimo film d'animazione del 1950 targato sempre Walt Disney. Del film animato ne abbiamo parlato dettagliatamente ieri, oggi, invece, andiamo ad approfondire quel tripudio di tutte (oh, mezzo regno campa tessendo tulle, in questo film!) che il film live action dedicato alla principessa con le scarpette di cristallo!

Passate a leggere anche la recensione di Babol in cross-posting e, se ancora non l'avete letta, anche la recensione del film d'animazione classico!


La fanciulla aiuta con i lavori domestici
C'era una volta una ragazzina di nome Ella, tanto bella e dolce, che viveva in una sperduta tenuta in campagna con la sua adorabile madre e il suo amatissimo padre. La vita scorreva felice e gioiosa per la famigliola finché, un brutto giorno, la madre non si ammalò e morì. Da quel momento cadde la tristezza sulla casa e per molti anni Ella e suo padre vissero da soli cercando di farsi forza tra di loro. Ad un certo punto l'uomo decise di prendere in seconde nozze la vedova Tremaine, moglie di un suo amico.
Lady Tremaine con le due figlie
La donna e le sue due figlie, Anastasia e Genoveffa, però, abituate ad una sfarzosa vita di città, non riuscirono ad integrarsi bene nella sperduta magione in campagna e, quando anche l'uomo morì per malattia, diventarono insofferenti e cattive nei confronti della povera fanciulla. Prima le tolsero la sua stanza, costringendola a dormire in soffitta, poi licenziarono i domestici e la resero la loro sguattera personale e infine le diedero il nome offensivo di Cenerentola.
Scene di vita quotidiana: Cenerentola fa
la sguattera
La piccola era disperata ma stringeva i denti perché aveva promesso a sua madre (sul letto di morte) di essere sempre gentile e coraggiosa. Un giorno il Re indisse un grande ballo in cui il Principe chiese che ogni fanciulla del regno, anche plebea, fosse invitata: per lady Tremaine è un'occasione per cercare di accasare le sue due sgraziate figlie e per Cenerentola quella di ri-vedere Kit, un suo conoscente che vive a palazzo. Riuscirà la nostra Cenerentola a partecipare al ballo? Oppure matrigna e sorellastre glielo impediranno con tutti i mezzi?

I topi di compagnia di Cenerentola
Dal punto di vista dei personaggi devo dire che ho apprezzato molto il fatto che si sia dato un po' più di spessore ad alcuni soggetti che nel cartone erano appena accennati (e davvero molto trascurati) e che non si sia quasi dato spazio per nulla a quei maledettissimi topi. Ora, capisco che gli animatori dovessero riempire minutaggio, ma io li ho sempre odiati quei dannati roditori parlanti! Qui, grazie al cielo, sono dei comuni topi e Ella sembra una comune pazza quando parla con loro [1].
Il principe che indice il ballo
A guadagnare spessore sono principalmente due personaggi: quel povero tonno del Principe (che nel cartone del 1950 ha la stessa personalità della carta da parati della sala da ballo), che finalmente ha una motivazione per cercare Ella durante il ballo e uno spunto di personalità, e il padre della poveretta che, pur sembrando un po' un drogato, almeno giustifica e caratterizza le sue scelte.
La fatina piuttosto fuori di testa
Un plauso va a Helena Bonham Carter che riesce a mettere in scena una Fata Smemorina giustamente fuori dalle righe e che riesce ad evitare l'effetto mammoso (e secondo me completamente fuori luogo) della precedente fata. Per quanto riguarda le due sorellastre Anastasia e Genoveffa, non sono riuscita a trovarle così antipatiche, anzi, se devo dire mi hanno principalmente pena. Alla fine sono così costruite per essere mal viste dallo spettatore che non riesco proprio a prenderle in uggia.
Quanto sberluccichio in questa carrozza!
I due personaggi che sono riusciti meno bene, secondo me, sono Ella e la matrigna. Cominciando dalla prima, posso dire che Lily James non mi ha colpita del tutto e l'ho trovata piuttosto anonima, per essere la protagonista [2], mentre Cate Blanchett si impegna molto nella sua parte di matrigna cattiva ma lo script non la aiuta, relegandola alla parte di povera mentecatta arrivista e privandola di tutta la classe e l'eleganza che aveva caratterizzato la Lady Tremaine animata [3]. Da segnalare, infine è il capitano delle guardie di colore. Ok, il politically correct e tutto quello che vuoi, ma stona tantissimo, in una corte europea dell'epoca! Fatevene una ragione e piantatela di mettere personaggi di quel genere totalmente fuori contesto!

Chilometri di tulle!
Dal punto di vista tecnico, bisogna dire che quel che salta immediatamente all'occhio sono i ricchi costumi. Chilometri di tulle, balze, trine, merletti, cappelli ampli e splendide scarpette di cristallo di swarovski [4] occupano gran parte della scena. Se Cenerentola è fasciata normalmente in un semplice vestito azzurro e l'abito di sua madre che riadatta è piuttosto anonimo (color rosa chiaro), è invece una splendida e vaporosa festa di tulle quello che la Fata Smemorina le dona per andare al ballo. Talmente splendido e ricco che ho temuto seriamente che il principe ci inciampasse dentro mentre danzavano.
Crucio! Ah, aspetta, ho sbagliato film!
Altrettanto vaporoso è il vestito della Fata stessa, che è un vero e proprio tripudio di tutte bianco ed è arricchito da decine di led (un elettricista belga andava ad accenderglielo prima delle riprese) e da complicati ricami sul corpetto. Anche magnificamente opulenti sono i vestiti di Lady Tremaine, sempre fasciata in splendido raso dai colori accesi (o vedovile in nero) mentre sono davvero ridicoli i vestiti perennemente floreali e abbinati di Anastasia e Genoveffa. L'ho detto prima e lo ripeto ora: quelle due non riescono a starmi antipatiche, sono così maltrattate dalla regia che mi fanno tenerezza!
A completare il tutto c'è l'opulenza dei background, una carrozza intagliata di oro zecchino (per non farsi notare) e dei buoni effetti speciali di trasformazione.

Quanta ricchezza di dettaglio. Forse
fin troppa ...
In definitiva devo dire di essere partita con mille pregiudizi per la visione di questo film e che, alla fine, non mi è neppure dispiaciuto così tanto. Ho trovato positivo l'inserimento nella trama di alcuni punti che nel cartone del 1950 rimanevano vaghi (tipo il perché Cenerentola rimanga nella casa a fare la sguattera alla matrigna e alle sorellastre e il perché il principe scelga proprio lei al ballo) e il fatto di dare delle motivazioni alla protagonista (il fatto di dover essere sempre "gentile e coraggiosa" perché l'ha promesso a mammina - ok, è una motivazione piuttosto scema ma almeno c'è!) e il fatto di togliere spazio e peso a quei dannati topi.
Povere sorrellastre ...
In compenso non ho amato molto come è stata resa la povera Lady Tremaine, che si riduce a perdere gran parte del suo carisma glaciale e della sua eleganza, e il fatto che sia stato dato un sacco di spazio ad un personaggio sostanzialmente inutile come il padre di Ella. In conclusione posso dire di consigliare questo film agli amanti delle fiabe, ai nostalgici Disney (che troveranno moltissimi richiami al film animato con cui andare in brodo di giuggiole) e agli appassionati dei costumi vaporosi, super elaborati e dal gusto anche un po' kitsch! Bidibidobidiboo!


Il trailer del film


 
NOTE:
[1] Io sono la prima che parla con i suoi gatti, che fa le vocine e che li spupazza tutti, ma Ella è tutto ad un altro livello di follia. Onestamente sembra una con problemi mentali, quando fa i suoi discorsi ai topi!

[2] Un po' com'era successo con Elle Fanning nel ruolo di Aurora in Maleficent. Di nuovo hanno scelto una ragazza bellina ma non splendida come avrebbe dovuto essere. In questo modo l'intero personaggio risulta indebolito, visto che fa proprio della bellezza il suo cavallo di battaglia. E poi, onestamente, basta fanciulle con i capelli biondi e le sopracciglia nere: una bionda naturale non si trova da nessuna parte? Bhe, allora tingetele anche le sopracciglia!

[3] Un esempio per tutti. La lady Tremaine del cartone era subdola, intelligente e raffinata. Convinse Cenerentola che le avrebbe permesso di andare al ballo e, quando lei si presenta pronta per partire con il vestito di sua madre riadattato dai topi, l'abito non glielo strappa lei in prima persona senza alcuna motivazione (come accade nel film), ma fa notare a Genoveffa il furto della collana, rendendo, di fatto, Cenerentola stessa (e i suoi topi) i colpevoli dello sfregio dell'abito. Quella Lady Tremaine era diabolicamente pericolosa, questa, che strappa l'abito a Cenerentola e le grida in faccia che mai la porterebbe al ballo perché potrebbe essere una concorrente in più alla per le sue figlie mano del Principe, è solo una povera stronza leggermente isterica.

[4] Le scarpette sono così preziose che erano guardate a vista da due bodyguard della Swarovski durante le riprese. Richard Maddend (Rob Stark nella serie Il trono di spade e qui il Principe) si è divertito a farli sudare freddo lanciandole in aria e recuperandole al volo. Tra l'altro, nota di colore, nella fiaba originale, le scarpette erano di pelliccia e non di cristallo. A fare lo scambio fu un errore di traduzione.


author

SCRITTO DA: Acalia Fenders

Sono una blogger di Torino che si occupa di fumetti e animazione dal 2010. I mei interessi spaziano dai classici fumetti (di cui ha una considerevole collezione) ai telefilm, dai film ai cartoni animati (anime e non!). Amo il Giappone e ho una sconsiderata e inarrestabile passione per Batman.





40 commenti :

  1. Sai non l'ho ancora visto...
    Non che non mi interessi, ma non ho proprio la voglia di andare al cinema a vederlo. Penso che aspetterò il momento giusto a casetta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alla fine è una fiaba, non il film del secolo, per cui si può vedere anche con tutta la calma del mondo :D

      Elimina
  2. Ma non è una motivazione scema.. ha fatto una promessa ala madre sul letto di morte...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bhe, non le ha mica promesso di subire tutti i soprusi del mondo XD

      Elimina
  3. Le scarpette di pelliccia mi mancavano, io mi sono concentrata maggiormente su dettaglio gore :P
    Che dire, più o meno la penso come te, soprattutto per quel che riguarda la sceneggiatura e la Matrigna ma i costumi li ho trovati moolto imbarazzanti, per quanto sfarzosi.
    E anche gli effetti speciali, santo cielo, quelle lucertole!! Quelle lucertole!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La scarpetta di pelliccia è una chicca: ci rimangono tutti male quando viene fuori (ma poi trovo che abbia più senso di quelle stupide scarpe di vetro! ;-P) ^^
      I costumi non mi sono dispiaciuti, devo dire, probabilmente il mio senso estetico sta perdendo colpi XD

      Le lucertole, ora che ci penso, si vedeva bene che gli attori indossavano guanti verdi (una cosa piuttosto triste, al giorno d'oggi, se non stai producendo qualcosa con il budget di un senza tetto tipo Once Upon a Time XD)

      Elimina
  4. C'è da dire però che la motivazione per cui Ella continua a sopportare tutto pur di restare nella sua casa viene annullata in un battito di ciglia quando se ne va a vivere a palazzo col principe.. io mi aspettavo una mini scena finale dove magari lei e il principe usavano per qualche scopo la tanto amata casa di Ella.. chessò; una residenza in campagna, un allevamento di topi, un capanno per gli attrezzi.. e invece la tanto amata casa è sfumata nel nulla!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottima osservazione! Anzi, contando che la matrigna e le sorellastre vengono esiliate (al contrario della versione Disney animata, in cui continuano a vivere nella loro casa), quella casa disabitata in pochi anni diventerà un cumulo di macerie XD

      Elimina
  5. Bè però grazie alla bambola Mattel di Lady Tremaine stanno vedendo la luce bellissime bambole ooak di Cate Blanchett

    RispondiElimina
  6. Allora...
    La tua è un'ottima analisi del film, per quanto mi riguarda la penso come te sulla maggior parte delle cose, ti dico solo ciò di cui non sono d'accordo con te e qualche osservazione:
    Anche a me, a vedere il trailer, la matrigna sembrava senza il carisma di quella vecchia (non mi piaceva che fosse lei, come dici, a strappare l'abito di Cenerentola). Però, dopo, quando le hanno dato un accenno di motivazioni, ho pensato che magari quel suo modo un po' infantile di fare la cattiva fosse proprio un modo molto impulsivo di vendicarsi su Cenerentola (che però non aveva fatto nulla!) e quindi anche molto 'patetico'. La matrigna della versione vecchia e quella della versione nuova son due personaggi completamente diversi, che però funzionano, se non confrontati.
    A me invece dispiace che la Fata Madrina abbia perso quel lato materno della vecchia versione, anche perché un collegamento con la madre c'era. Quella vecchia la preferivo perché, pur essendo un po' svampita, comunque sapeva essere anche seria, mentre penso che in questa nuova si sia calcato troppo sul lato comico.
    Mi è piaciuto come abbiano esplorato i problemi dei matrimoni combinati o per interesse, cosa ignorata nel film d'animazione, mentre trovo assolutamente inutile la scena della scarpa finale (cioè, se a Cenerentola la scarpa non calzava, il principe la abbandonava lì?), anche se capisco che volessero ricreare la scena del cartone.
    Gli effetti speciali... alcuni decenti, ma altri davvero imbarazzanti, come gli animali trasformati e le zucche!
    Nel complesso, comunque, un film che mi è piaciuto, di sicuro meglio di 'Alice' e 'Maleficent'; ho apprezzato molto che siano riusciti a far comportare in maniera più umana i personaggi senza cambiare la storia... ehm... era quello che doveva fare 'Maleficent'!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille :D
      Il trailer io non l'avevo visto, di solito cerco di evitarli accuratamente, se riesco, in modo da non spoilerarmi nulla e di non farmi già delle idee sul film prima ancora di partire.
      Pensa che a me, della matrigna, non sono piaciute proprio le motivazioni. La matrigna originale aveva come motivazione il fatto di odiare Cenerentola per il fatto che era molto più bella e aggraziata delle sue due brutte figlie. Ok, è una motivazione piuttosto superficiale ma tutta la storia di Cenerentola si basa integralmente su motivazioni legate alla bellezza (vedi: il principe che si innamora di lei perché è bella e non le chiede nemmeno come si chiama). Ora, tornando alla matrigna, le stravolgono il personaggio e le danno come motivazione la vedovanza. Ecco, quella cosa non l'ho capita. Sposa il padre di Cenerentola per interesse (è palesemente disinteressata alla sua morte) e poi si accanisce con la fanciulla per vendetta? Non ha senso ^^

      Sulla Fata Madrina: quasi mi aspettavo che tirasse un Crucio per sbaglio (così la Rowling poi andava ad ammazzare con i diritti la Disney) XD

      Sulla scena finale della scarpa: aveva senso nel vecchio film con il principe mollaccione che non si ricordava la faccia di Cenerentola e che aveva mandato il Granduca a cercarla facendo il test del piede, ma essendo in questo caso presente risulta piuttosto sciocca XD

      Sicuramente il film è meglio di Alice e Maleficent anche se il regista non è stato gran che coraggioso, nella sua reinterpretazione, visto che richiama tantissimi elementi identici al cartone ^^

      Elimina
    2. Forse hai ragione riguardo alle motivazioni della matrigna, tanto che (se non fosse stato per qualche inquadratura ad effetto) avrei anche pensato che stesse mentendo a Cenerentola, prima di chiuderla nella stanza, ma così non è. Sì, in effetti è un po' in contraddizione, ma apprezzo almeno un tentativo. Io l'ho interpretato come se la matrigna cercasse di illudere se stessa di essersi sposata per amore, ma poi avesse capito che non c'era spazio per lei nella casa. Avrebbero dovuto approfondire il tutto un po' meglio, però!
      La scena finale della scarpa aveva così poco senso che per un po' ho creduto di aver capito tutto male e che il principe non avesse capito che la tizia a cavallo e quella alla festa fossero la stessa persona (a causa dell'incantesimo della Fata, anche se era stato fatto solo a prova di 'famigliastra' xD)... poi mi sono tornati in mente certi dialoghi e ho scartato l'ipotesi. Comunque non ha senso che replicassero la scena classica, dato che c'era comunque stata nel dopo-ballo, nel giardino (sull'altalena), e avrei preferito che

      [SPOILER]

      anche la seconda scarpetta, in qualche modo, venisse rotta (magari dalla matrigna) prima che il principe si svelasse.

      Ah, dimenticavo: una cosa che invece ho davvero apprezzato è stato il rapporto principe-re, che non si esaurisce solo nel classico 'il figlio insegna al padre il potere dell'aMMore', ma è reciproco, dato che il figlio impara dal padre che un sovrano ha anche delle responsabilità. E la scena sul letto di 'morte' (messo tra virgolette perché in realtà il re è passato all'altro mondo solo dopo xD) l'ho trovata abbastanza toccante. Fosse stato fatto tutto così non avrei esitato a definirlo capolavoro, e invece, oltre che ai difetti già menzionati c'erano anche delle scene 'comiche' da far cadere le braccia, come quella della vecchia che rutta o quella della panettiera che prova la scarpa...

      Elimina
    3. Se avesse fatto tutto quel panegirico per mentirle allora probabilmente mi sarebbe piaciuta di più e avrebbe avvicinato maggiormente lo spirito della vecchia Tremaine.
      Il rapporto tra il padre e la donna viene mostrato sempre dalla parte del padre e di Cenerentola e, se ci hai fatto caso, non ci sono mai scene di intimità tra i due (che spesso sono rappresentati in stanze diverse). Forse un briciolo di approfondimento su quel lato avrebbe giovato alla matrigna ^^

      [SPOILER]
      Ecco, la presenza del principe avrebbe avuto senso se la matrigna e magari il granduca avessero complottato per distruggere la scarpetta originale e magari sostituirla con una che calzasse ad Anastasia o Genoveffa. A quel punto la rivelazione del principe sarebbe stata di grande effetto :D

      [FINE SPOILER]

      Diciamo che il Principe e il Re che si parlano sono già un grandissimo passo avanti! Nel vecchio film animato non condividono nessuna scena (se non quella del matrimonio XD).

      Le scene comiche sono le classiche "scenette alla Disney" a volte sono carine (vedi in Hercules, Le follie dell'imperatore o Mulan) e altre invece sono terribili XD

      Elimina
    4. [SPOILER]
      Nooo! Sarebbe stato bellissimo il complotto della scarpetta come lo descrivi tu! Invece la scena finale del film non aveva un briciolo di senso! Tra l'altro, hai notato che il principe e Cenerentola si parlano come se non si conoscessero nemmeno... mi viene da pensare che quella scena sia un residuo di una vecchia versione del film poi cambiata... Comunque un po' mi spiace, perché se lo scopo del film era riproporre la storia non stravolta, ma dando delle vere motivazioni ai personaggi (cosa fatta anche abbastanza bene, per il resto del film), con questa scena han fatto crollare il castello di carte xD
      Ah! Per quanto riguarda la casa della madre... dato che matrigna e sorellastre sono state esiliate, non è escluso che forse ora il principe e Cenerentola ci vadano a vivere di tanto in tanto... certo che avrebbero dovuto mostrarlo!
      [FINE SPOILER]

      Già che parliamo di Cenerentola... ti scongiuro, guardati il video 'Cenerentola istiga alla violenza sugli animali domestici'... Sappi solo che ora la mia suoneria dei messaggi è 'Sbattilo!' della vecchia matrigna xD

      Elimina
    5. [SPOILER]
      Magari lo script originale del film prevedeva che l'incantesimo della Fata Madrina funzionasse come l'hai pensato tu e solo alla fine hanno deciso di cambiarlo per non meglio chiariti motivi. Ma così tutta la faccenda della prova della scarpetta diventa completamente inutile (e poi mi chiedo come nessuno abbia notato il principe nascosto tra i soldati, per giorni e giorni XD).

      La casetta magari diventa una villa di campagna o qualcosa del genere, ma sarebbe stato bello che avessero dedicato anche solo venti secondi alla cosa!
      [FINE SPOILER]

      Appena ho un secondo lo cerco ;-P

      Elimina
    6. Il video che ti dicevo purtroppo è stato cancellato. Fortunatamente, un'anima pia ha pubblicato il pezzo incriminato del video (nonché l'unica vera parte degna di essere vista):
      https://www.youtube.com/watch?v=6HLmvBxjGpc

      Elimina
    7. Ah, peccato per il video! XD

      Elimina
  7. Peccato per la poca forza dei personaggi più interessanti, ma per fortuna che il principe acquista personalità! Povere sorellastre...
    Il dettaglio delle sopracciglia, dagli elfi platinati del signore degli anelli in avanti, dà fastidissimo anche a me!
    Mi piacerebbe vederlo, ma magari non al cinema.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per fortuna che c'è il Principe, qui, almeno lui ci guadagna ;-P
      Devo ammettere che le due sorellastre mi hanno sempre fatto pena (e un po' mi ha sempre fatto pena la matrigna che deve accasare due figlie così) XD

      Elimina
  8. Anche a me ha un po' deluso la protagonista, davvero scialba.
    Ho trovato anche che il regista non ha avuto il coraggio di osare fino in fondo: avrebbe potuto rendere più forte il contrasto tra il re e il principe sulla scelta della moglie, trasformandolo in un passaggio simbolico dall'assolutismo aristocratico alla democrazia popolare, e quello fra il principe divenuto re e il granduca, sulla stessa falsariga.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Trovare delle brave attrici carismatiche per questi ruoli pare difficilissimo XD
      La tua ipotesi è piuttosto interessante ma io non parlerei di "democrazia popolare" per una storia ambientata in quel periodo storico. Alla fine Kit e Cenerentola diventano Re e Regina e governano sul popolo ^^

      Elimina
  9. Da come lo descrivi sembra abbastanza interessante come film...però poi hai detto che la matrigna non è più glaciale e algida...onestamente non so cosa dire, dovrei rivedere (se avrò mai voglia xD) il vecchio cartone...ah, e comunque ti ringrazio perchè se non fosse stato per te, Tremaine per me sarebbe rimasta a vite "la matrigna".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La matrigna è il punto debole del film, indubbiamente quella originale era tutta un'altra cosa.
      In realtà ci rimasi male anche io quando la sentii chiamare Lady Tremaine in una discussione ma, rivedendo il film, mi sono accorta che nella scena del ballo Anastasia e Genoveffa vengono presentate come "Anastasia e Genoveffa Tremaine" ^^

      Elimina
  10. detesto il cartone di cenerentola, non penso andrò mai a vedere questo film, soprattutto dopo la mastodontica campagna pubblicitaria che hanno fatto.. un pò come l'orribile biancaneve e il cacciatore.
    se ti interessa una storia di cenerentola rivisitata in chiave decisamente meno fiabesca ti consiglio "il dono della fata" di gail carson levine, è un libro per ragazzi che io ho adorato, cenerentola addirittura è mostrata come una ragazza coraggiosa e intraprendente ma la storia originale non viene stravolta, incredibile ma vero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La campagna pubblicitaria è un po' una prerogativa di questi brand forti per Disney (pensa a Maleficent, l'anno scorso si trovava ovunque!).
      Non conosco quel libro ma se mi capita gli darò sicuramente un'occhiata. Grazie per la segnalazione :D

      Elimina
  11. Ero indecisa se andare a vederlo o meno,ma a questo punto direi che posso tranquillamente risparmiarmelo per il momento per guardarmelo con calma quando me ne verrà voglia,e intanto concentrarmi sul resto della programmazione attuale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente non è un titolo indimenticabile e non aggiunge chissà cosa alla storia classica, tra l'altro sacrificando il carisma della matrigna ^^

      Elimina
    2. Vai a capire,magari il carisma dei personaggi principali è inteso come una quantità costante,per cui averne dato almeno un minimo sindacale al principe comportava appiattire qualcun altro,e a quanto leggo sulle povere Anastasia e Genoveffa avevano già infierito xD
      Condivido la perplessità sulle sopracciglia di Ella,così come sono d'accordo che queste rivisitazioni non siano la sede per propinarci delle bellezze acqua e sapone;le varie Cenerentole,Biancaneve e Aurore erano buone,brave e care,sì,ma a farne la fortuna è stata principalmente la bellezza,quindi vederle interpretate da attrici esteticamente meno anonime non mi sarebbe dispiaciuto.
      Tirando le somme,credo che il principale motivo di curiosità verso questo film siano le lucine dell'abito della fata madrina xD

      Elimina
    3. Ah ah ah, in effetti potrebbe essere un ragionamento logico! "Il carisma non si crea e non si distrugge ma si trasforma" XD

      Le principesse delle fiabe sono e devono essere delle super gnocche, poche storie. Non capisco come i produttori dei film non ci arrivino (o ci arrivano ma scelgono delle bellezze "acqua e sapone" per rasserenare il pubblico XD).

      Elimina
  12. a me non dispiace l'effetto mammoso della fata del cartone, anzi, io ho sempre pensato che fosse tipo il fantasma di sua madre, e ho scoperto che un sacco di altra gente l'ha letta allo stesso modo, perciò ci sono rimasto un po' male che questo aspetto sia stato smorzato, non l'ho mai trovato fuori luogo.
    per il resto, come te, sono partito con mille pregiudizi per poi trovare il film piacevole. purtroppo si, la matrigna perde molto (povera Cate Blanchett, lei è bravissima, ma può fare fino a un certo punto), la disney non riesce più a sfornare i cattivi carismatici di un tempo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho trovato fuori luogo il fatto che una Fata così materna e attaccata a Cenerentola compaia solo il giorno del ballo. Ok, lei voleva partecipare ed era disperata, ma in una vita di soprusi, non aveva mai pianto? Perché non l'ha aiutata prima?

      La Diseny ha un andamento periodico con i cattivi: ci sono periodi buoni e periodi di secca. Questo è un periodo di secca XD

      Elimina
  13. Non è il mio genere, ma alla fine penso che lo guarderò. Anche perché con una nipote di 12 anni sono obbligata ad essere sempre sul pezzo ^_^

    Passa da me che sei stata nominata (ti fischiano le orecchie ogni tanto? Sono io, sappilo!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con una nipote di quell'età non ti può proprio mancare un titolo di questo genere :D

      Sono passata e ho anche preparato il post (grazie, grazie grazie!) *__*

      Elimina
  14. Io non ci tenevo molto a vederlo, ma una mia amica strafan di cenerentola ha insistito per andarci e quindi amen xD sinceramente non sentivo il bisogno di un live action delle vecchie fiabe, ma tutto sommato è stato carino. Ho apprezzato lo spessore in più dato al principe, la mancanza dei topi e delle canzoni xD anche se quelle vecchie mi piacciono.
    Ero anche curiosa di vedere due attrici che già conoscevo per Downton Abbey. "Ella" e una delle sorellastre infatti hanno recitato nel telefilm rispettivamente come una lady e come la sguattera principale xD inversione di ruoli! Anche lì comunque "Ella" non mi ha mai convinta particolarmente...e forse in lingua originale è pure più monoespressiva. Stava sempre a sospirare...che so stesse esercitando per il ruolo di cenerella? XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In generale trovo che non si senta il bisogno di raccontare la fiaba sempre uguale a se stessa, solo con costumi più sgrarginati e qualche particolare in più. Forse la Disney dovrebbe prendere il coraggio a quattro mani e provare a rielaborare in modo più coraggioso le sue storie di punta ^^

      Ah ah ah, possibile, magari ha avuto voce che la Disney prende di queste bellezze scialbine e si è data da fare per calarsi nella parte XD

      Elimina
  15. Alla fine l'ho visto, autoconvincendomi che ne valeva la pena per il corto di Frozen. Rispetto a Maleficent mi ha lasciato meno l'amaro in bocca, è impostato come una favola zuccherosa dall'inizio alla fine, non ci sono veri personaggi cattivi, visivamente è magnifico. Quello che non riesco a capire è come gli sceneggiatori Disney non si accorgano degli enormi buchi di sceneggiatura pur in storie così semplici e lineari come quelle delle loro stesse favole: le assurdità di Maleficent mi hanno rovinato completamente la visione, in Cenerentola no, forse perché si concentrano nella parte finale (le già accennate assurdità relative all'espediente della scarpetta e all'abbandono della casa materna).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che la DIsney sta un po' aggiustando il colpo da Maleficent. Almeno Cenerentola è onesto come titolo: uno si aspetta una roba zuccherose e una roba zuccherosa trova. Con Maleficent uno si aspettava incantesimi, orchetti e una fata malvagia e invece si trova di nuovo una cosa zuccherosa.

      Sulla sceneggiatura: premettendo che i buchi finali ci sono e non c'è nulla da fare, almeno gli sceneggiatori hanno il merito di cercare di tappare un paio di buchi pazzeschi della fiaba originale (tra cui quello del principe che si innamora della fanciulla e si dimentica di chiederle come si chiama) ^^

      Elimina
  16. mmm me lo sono perso al cinema... ora tocca che vado a cercarlo da qualche parte!!!

    RispondiElimina

Un commento è sempre molto gradito!

Se non ha voglia di loggarti, ricordati che con l'opzione Nome/Url puoi mettere un semplice nick di fantasia (la Url non è obbligatoria), così nelle risposte non verrai confuso con altri Anonimi.